Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 20enne con precedenti fermato dai carabinieri

SENZA BIGLIETTO SUL BUS, FUGGE E FERISCE IL CONTROLLORE

Il giovane individuato grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza.


VITTORIO VENETO. Era stato sorpreso a viaggiare su un bus Mom senza il biglietto, quando il controllore stava per notificargli il verbale lo ha spintonato e si è dato alla fuga. Un giovane del vittoriese di 20 anni, già noto alla polizia è stato individuato e denunciato dai carabinieri. L'aggressio risale allo scorso mese di ottobre nel piazzale delle corriere in via 22 novembre a Vittorio Veneto. Il controllore, ferito, era andato in pronto soccorso ed era stato dimesso con una prognosi di cinque giorni a causa di una botta rimediata alla mano. Sono state le testimonianze di alcuni passeggeri e le immagini delle telecamere di videosorveglianza a consentire ai carabinieri di identificare il ragazzo.