Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sei automobilisti alla guida sotto effetto di stupefacenti

AUTOSTRADA CHIUSA PER I CONTROLLI ANTIALCOL E ANTIDROGA

Sull'A27 la Polizia stradale devia in traffico nell'area di servizio


TREVISO - Autostrada chiusa per controllare lo stato psicofisico degli automobilisti. La Polizia stradale, infatti, nelle prime ore di domenica 17 novembre ha bloccato la circolazione su un breve tratto dell’A27, tra il casello di Treviso Nord e quello di Conegliano, in direzione Nord, deviando i veicoli nell’area di servizio Piave Est. Qui i conducenti sono stati sottoposti alla verifica del livello di alcol e di sostanze stupefacenti. Insieme ai poliziotti, ha operato anche personale medico con uno speciale, sofisticato laboratorio mobile di analisi.
Al test alcolemico con precursore sono state sottoposte 284 persone, 10 delle quali sono risultate positive con tassi tra 0,6 g/l e 1,7 g/l. con conseguenti sanzioni a partire da oltre mille euro fino a diverse migliaia e la sospensione della patente di guida da 3 mesi a 1 anno.
Ma a destare più scalpore è il fatto che, sui 25 conducenti verificati, sette sono risultati positivi al controllo anti-drogra preliminare e sono stati perciò inviati alla visita medica.
L’approfondimento ha confermato la positività di sei soggetti, dei quali ben 5 sono anche risultati in stato di alterazione alla guida con conseguente applicazione delle sanzioni previste dal Codice della strada: multa da svariate migliaia di euro, oltre alla sospensione della patente di guida da 1 a 2 anni. Peraltro, alcuni guidatori risultati positivi erano neopatentati per cui per loro le sanzioni risulteranno tutte aumentate di 1/3 e la sospensione della patente potrà arrivare fino a 3 anni.
“Nonostante l’iniziale sorpresa degli utenti che si sono visti obbligati ad uscire dall’autostrada per essere sottoposti al controllo area di servizio (procedura cui i conducenti italiani non sono molto abituati motivo per cui si sono formate lunghe code all’ingresso dell’autostrada), sono state numerosissime le persone che, dopo aver appreso del particolare servizio finalizzato a prevenire gli incidenti, si sono complimentate per lo svolgimento con modalità così imponenti”, sottolinea il comandante della Polizia stradale di Treviso, Alessandro De Ruosi.
I controlli, che hanno impegnato 10 equipaggi con 19 agenti, sono avvenuti proprio in occasione della Giornata nazionale in ricordo delle vittime della strada. A inzio novembre 2019, nella Marca, si contavano 42 morti in sinistri stradali: ovvero già il numero registrato nell’intero 2018.
Durante l’operazione in autostrada, sono emersi anche 2 casi di circolazione con revisione scaduta, 1 caso di denuncia per guida con patente scaduta, e altre violazioni amministrative per circa 10.000 euro contestati e oltre 200 punti della patente decurtati.
Altro fenomeno tenuto sotto particolare attenzione dalla Polstrada, poi, è quello, pericolosissimo, dell’uso del telefonono al volante: nei giorni scorsi i poliziotti hanno effettuato diversi servizi mirati, utilizzando anche un’auto civetta, senza la classica livrea del corpo, e hanno così rilevato una cinquantina di violazioni.
I controlli, ribadisce il dirigente, continueranno ad attuati anche con le pattuglie in incongnito.

Galleria fotograficaGalleria fotografica