Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venezia, turisti in calo per il maltempo

ACQUA GRANDA, LE DISDETTE NEGLI ALBERGHI

Il 35% dei clienti disdice il pernottamento


VENEZIA - Un conto salato a causa dell'alluvione e dell'eccezionale acqua alta di questi giorni, si presenta anche sul turismo veneziano. Le disdette sulle prenotazioni degli alberghi salgono al 35% e a fronte degli annullamenti, non ci sono state altre prenotazioni. Il mercato è praticamente fermo e Venezia in questi giorni registra pochi turisti. Claudio Scarpa, direttore di Federalberghi Venezia, traccia il primo bilancio degli effetti delle tre grandi ondate di marea che questa settimana hanno inondato il capoluogo veneto: tantissime le disdette e almeno 30 milioni di danni agli immobili raggiunti dalla marea. Le strutture alberghiere sono subissate di richieste di informazioni riguardanti l'emergenza acqua alta, ma non ci sono nuove prenotazioni e la percezione nel mondo è quella di uno stato di allarme per cui il turista vuole essere rassicurato prima di prenotare. Riguardo a questa eccezionale Acqua Granda, le comunicazioni transitate nei canali nazionali ed internazionali sono state imprecise, per cui c'è molta paura a venire a Venezia.
Ma intanto la città si sta rialzando, il 70% dei forni del pane ha riaperto, così come il 50% dei negozianti e degli artigiani. Molti alberghi non hanno mai chiuso. I danni alla città e alle attività commerciali però sono molto pesanti, e alcuni ristoratori sperano di riaprire a Natale, per ritornare poi tutti alla normalità.