Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sedicenne vittima di violenze sessuali

VIOLENTATA IN TENDA

Dopo la festa è stata portata da un ventenne in una tenda vicino alla discoteca


CORNUDA - Ha patteggiato due anni e quattro mesi, l'autore della violenza sulla sedicenne bassanese che 1 anno fa è stata violentata in una tenda da campeggio allestita vicino alla discoteca Glam di Cornuda. La ragazzina era arrivata alla discoteca per festeggiare un compleanno di un amico, ma la sua serata, a causa dell'abuso di alcool, si è conclusa con una violenza. Il fatto risale al 30 settembre 2018. Quella sera insieme a una ventina di ragazzi, si era data appuntamento al Glam, discoteca di Cornuda frequentata da ragazzi giovani, ma la situazione era sfuggita di mano un po' a tutti, Alla fine della festa la ragazzina era completamente ubriaca e nessuno pensò di aiutarla, nè di chiamare i genitori o un'ambulanza. Si prestò in aiuto un ventenne Montebellunese, che con una scusa la portò in una tenda allestita poco lontano dalla discoteca, a circa 400 metri. Lì avvenne la violenza: baci rubati, palpeggiamenti e un tentato rapporto completo. Il giorno dopo i genitori recuperarono la figlia e la riportarono a casa a Bassano, per poi sporgere denuncia contro il ventenne montebellunese. Ieri mattina il patteggiamento: due anni e quattro mesi. Una pena bassa resa possibile dal risarcimento di 5000 euro e dalla lettera di scuse del ragazzo. A fine udienza le parole pronunciate con fermezza dalla madre della ragazza: "Noi non ti serbiamo rancore per quanto è successo, ma spero che tutto questo ti serva da lezione e che in futuro non esiti a chiamare il 118 se mai vedrai qualcuno che sta male".