Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tagli del nastro per tre nuove colonnine di ricarica

NUOVE STAZIONI DI RICARICA PER AUTO ELETTRICHE A VIDOR

In progetto di Ascotrade prevede 200 stazioni in tutta la regione


VIDOR. Inaugurati questa mattina, alla presenza del Sindaco Albino Cordiali e del Presidente Ascotrade Stefano Busolin, nuovi punti di ricarica (due posizionati in Piazzale Capitello, uno in Piazzale Petritoli) per auto elettriche. Rappresentano un altro fondamentale tassello del progetto di sviluppo della mobilità sostenibile “Aria Pulita”, ideato da Ascotrade, realizzato in collaborazione con Be Charge e dedicato alle amministrazioni comunali, alle utilities pubbliche e anche ai privati. L'obiettivo è quello di implementare la rete infrastrutturale con nuove stazioni di ricarica che utilizzano energia prodotta al 100% da fonti rinnovabili.

Un'iniziativa resa possibile dalla fattiva collaborazione tra Pubblica Amministrazione e Aziende private che permette alla provincia trevigiana di essere al passo con le città più evolute in tema di mobilità sostenibile.

«L’Amministrazione Comunale di Vidor è sempre stata sensibile alle problematiche ambientali. – ha commentato Albino Cordiali, Sindaco di Vidor - Già da qualche anno abbiamo installato dei pannelli fotovoltaici su alcuni edifici pubblici e tutto il territorio è servito da energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. Questa di oggi è un'altra tappa del nostro cammino verso le fonti di energia “pulita”, e non sarà certamente l'ultima. Siamo orgogliosi di dare ancora il nostro contributo per un nuovo servizio innovativo a favore di tutti i cittadini sensibili, non solo di Vidor, ed è quindi che con orgoglio, ma anche, permettetemi di dire, con responsabilità verso l'ambiente, inauguriamo oggi queste colonnine di ricarica volute fortemente dall'Amministrazione Comunale».

«Vidor rappresenta un'altra tappa di accompagnamento del nostro territorio verso il futuro. – ha proseguito Stefano Busolin, presidente Ascotrade –grazie alla sensibilità dell'amministrazione comunale e alla collaborazione con Be Charge, oggi inauguriamo queste nuove colonnine di ricarica che vanno ad aggiungersi alle quasi 200 previste da Ascotrade in Veneto. Un progetto che colma, in parte, quel gap infrastrutturale che limita l'acquisto di veicoli elettrici. Secondo il rapporto “Le città elettriche” redatto da Legambiente in collaborazione con MotusE a gennaio 2019 risultavano attive in Veneto 528 prese disponibili omologate su un totale di 5.507 prese in tutto il territorio nazionale. Un futuro che dunque è già realtà e che noi vogliamo contribuire a sviluppare, rendendo la nostra provincia protagonista del cambiamento in atto».

Dotare il territorio di infrastrutture dedicate alla mobilità green consente infatti di agevolare non solo i cittadini, ma anche l'arrivo di turisti stranieri che già hanno fatto questa scelta di vita. Un'opportunità che, a quanto pare, le Amministrazioni e le aziende venete non intendono lasciarsi sfuggire.


Galleria fotograficaGalleria fotografica