Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione dei Carabinieri tra Treviso, Padova e Venezia

TRAFFICO D'ARMI ED ESTORSIONE, QUATTRO ARRESTI ALL'ALBA

Una delle pistole potrebbe essere stata usata per un omicidio


TREVISO - Quattro uomini sono stati arrestati nell'ambito di un'operazione contro il traffico di armi tra le province di Treviso, Venezia e Padova. All'alba di oggi i Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale dell'Arma hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse della Procura della Repubblica di Treviso nei confronti di quattro pregiudicati, di cui uno di nazionalità albanese. Tra i reati contestati, in concorso, la detenzione e il porto di armi in luogo pubblico e l'estorsione.

L’attività investigativa è scaturita da un’indagine avviata nel 2018 dai Carabinieri di Treviso a seguito di un controllo effettuato in un’armeria di San Zenone degli Ezzelini, per verificare la posizione di un’arma da fuoco le cui caratteristiche risultavano analoghe a quella utilizzata per un omicidio avvenuto la notte del 9 gennaio 2018 a Venezia.




I COMPLIMENTI DEL GOVERNATORE ZAIA PER L'OPERAZIONE

“I cittadini chiedono sicurezza e operazioni come quella portata a termine oggi dai Carabinieri di Treviso insieme alla Magistratura non solo sono una risposta ma sono anche il messaggio che ci conferma come non deve essere mai abbassata la guardia contro la criminalità”. Così il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia esprime soddisfazione per il blitz dell’Arma trevigiana che, intervenendo in provincia di Treviso, Padova e Venezia, ha portato all’arresto di quattro persone, di cui una straniera, per traffico d’armi ed estorsione.
“Mi complimento con i militari e tutti gli inquirenti – conclude il Governatore -. Ho letto che è stato sequestrato anche un discreto arsenale di armi rubate, di cui una è accertato sia servita per un omicidio; quello raggiunto è un grande risultato che conferma le capacità investigative delle nostre forze dell’ordine a tutela dei cittadini per bene”.