Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
SETTIMANA CON TANTI PROTAGONISTI ITALIANI, IN EUROPA E IN AMERICA

o Scottish Open, il Marathon LPGA Classic, il Challenge Tour, il Symetra Tour


Francesco Molinari, e altri sette azzurri sono a North Berwick, per il secondo torneo 2021 della Serie Rolex, l’Aberdeen Scottish Open.A far compagnia a Francesco ci sono Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Francesco Laporta, Renato Paratore, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli e Andrea Pavan. Questi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scoperte in un magazzino 88 piante e 2,8 di droga pronta per lo spaccio

A VIDOR LA CENTRALE DELLA MARIJUANA

Due persone arrestate dai carabineri


VIDOR. Avevano trasformato un vecchio immobile in una centrale per la produzione di droga. Un 28enne albanese e una 24enne di Pieve di Cadore sono finiti in carcere dopo il blitz dei carabinieri. I militari hanno sequestrato 88 piante di marijuana e 2 chili e otto etti di droga essicata pronta per essere spacciata. Una volta immessa sul mercato avrebbe fruttato ai due spacciatori quasi 15mila euro. La coppia aveva ottenuto lo stabile in comodato gratuito da una società di Romano d'Ezzelino e si erano era trasferita la per vivere: oltre ai letti e alla cucina avevano allestito una "serra" per coltivare marijuana e si erano allacciati in modo abusivo alle rete di energia elettrica.  Secondo quanto emerso dalle indagini i due si spostavano in auto durante il giorno sia nella Marca che nella vicina provincia di Venezia, in particolare a Portogruaro e Noventa per spacciare la droga.