Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessun ferito, ma sull'adiacente provinciale si viaggia a senso unico alternato

TRAGEDIA SFIORATA A FARRA, CROLLA LA BARCHESSA DELLA PARROCCHIA

Probabile causa le forti piogge delle ultime settimane


FARRA DI SOLIGO - La secolare barchessa costruita nel XVI secolo che faceva da cornice allo storico e monumentale fabbricato parrocchiale, quest’ultimo ristrutturato qualche anno fa, è crollata.  Con ogni probabilità, a causa delle le forti e continue piogge di quest’ultimo periodo,  le arcate che sorreggevano tutta la struttura superiore sono collassate al suolo, portandosi dietro non solo oltre un centinaio di metri quadri del tetto, ma sfondando anche il solaio del primo piano. Il crollo, per fortuna, è accaduto quando era già buio e quindi, i numerosi ragazzi che ogni giorno giocavano nelle zone circostanti, ed a volte, soprattutto quando pioveva, anche all’interno della struttura, erano già rientrati a casa, altrimenti il fatto poteva veramente trasformarsi in una tragedia.
Del crollo si è accorto il parroco don Brunone De Toffol, quando verso le ore 19.30 di venerdì scorso, è rientrato in parrocchia, dopo aver trascorso tutto il pomeriggio nella frazione di Soligo, impegnato nell’annuale benedizione delle case. “Per me –ha dichiarato don Brunone - vedere tutto questo disastro è stato un indescrivibile dolore, e la prima cosa che ho pensato, è stata quella di andare subito a controllare che non ci fossero persone sotto le macerie, magari uno dei tanti bambini che spesso vengono a giocare in parrocchia”. E il sacerdote continua: “Ho poi allertato subito il 115 dei vigili del fuoco, i quali hanno inviato immediatamente sul posto dalla vicina caserma di Conegliano, un’autobotte ed un camion con scala aerea. Successivamente ho telefonato al sindaco Mattia Perencin, sapendo ch, è una persona sempre molto disponibile per qualsiasi evento, ed in modo particolare quando succedono fatti che possano interessare la sicurezza dei suoi cittadini, come in questo caso. Prezioso, infatti, è stato il suo pronto intervento". Il sindaco Perencin e il vice sindaco Michele Andreola, constatata la gravità della cosa e il pericolo che ulteriori crolli potessero interessare anche l’adiacente e trafficata strada provinciale, nonostante l’ora ormai tarda, hanno raggruppato una parte di dipendenti comunali, in primis gli addetti alla manutenzione e alla messa in sicurezza delle strade e alcuni impiegati dell’ufficio tecnico. La zona è stata subito transennata, in modo particolare la parte confinante con la strada provinciale. In seguito ad un'ordinanza del sindaco, è stata chiusa una carrggiate e il traffico veicolare è proseguito a senso unico alternato, creando interminabili code. La prossima settimana, ha assicurato l’architetto Marco Merello, uomo di fiducia non solo della parrocchia ma anche della curia, verranno programmati i lavori per la messa in sicurezza del fabbricato, con il puntellamento dell’edificio. Questa mattina, il sindaco Prencin ha già fatto intervenire sul posto i responsabili della viabilità provinciale, i quali hanno chiesto che il problema venga risolto nel più breve tempo possibile, per non creare grossi intralci al traffico sulla provinciale.
Diego Berti

Galleria fotograficaGalleria fotografica