Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/293: MAURITIUS OPEN TIENE A BATTESIMO IL PRIMO SUCCESSO DEL 18ENNE HOJGAARD

Il baby danese supera al supplementare l'azzurro Paratore


BEL OMBRE (MAURITIUS) - Il secondo evento dell’European Tour 2020 propone la quinta edizione dell’Afrasia Bank Mauritius Open, in programma sul tracciato dell’Heritage GC, a Bel Ombre nell’isola di Mauritius, dove tutto è da sogno, a cominciare dal piccolo porto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'auto bloccata dalla polizia di Treviso in Viale Europa

GUANTI, PASSAMONTAGNA E CACCIAVITI IN AUTO, FERMATI QUATTRO STRANIERI

Un 20enne colpito da daspo urbano per tre anni


TREVISO. Continuano i controlli del terriotorio da parte delle forze dell'ordine dopo la task force messa in campo in tutta la provincia a seguito dell'escalation di furti nelle case dei trevigiani. La polizia ha fermato un'auto sospetta in Viale Europa con dentro quattro giovani stranieri. L'atteggiamento dei ragazzi ha insospettito gli agenti che hanno perquisito l'auto trovando all'interno vari arnesi da scasso, cacciaviti, dei guanti e alcuni passamontagna. Con ogni probabilità il quartetto stava effettuando dei sopralluoghi in attesa di entrare in azione  e mettere a segno qualche furto. Tutti erano gravati da precendi per furto e reati contro il patrimonio. In particolare un ventenne albanese era già stato colpito da un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Udine. Lo straniero è risultato nullafecente e per questo il questore di Treviso ha emesso nei suoi confronti il provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Treviso per i prossimi tre anni.