Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'auto bloccata dalla polizia di Treviso in Viale Europa

GUANTI, PASSAMONTAGNA E CACCIAVITI IN AUTO, FERMATI QUATTRO STRANIERI

Un 20enne colpito da daspo urbano per tre anni


TREVISO. Continuano i controlli del terriotorio da parte delle forze dell'ordine dopo la task force messa in campo in tutta la provincia a seguito dell'escalation di furti nelle case dei trevigiani. La polizia ha fermato un'auto sospetta in Viale Europa con dentro quattro giovani stranieri. L'atteggiamento dei ragazzi ha insospettito gli agenti che hanno perquisito l'auto trovando all'interno vari arnesi da scasso, cacciaviti, dei guanti e alcuni passamontagna. Con ogni probabilità il quartetto stava effettuando dei sopralluoghi in attesa di entrare in azione  e mettere a segno qualche furto. Tutti erano gravati da precendi per furto e reati contro il patrimonio. In particolare un ventenne albanese era già stato colpito da un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Udine. Lo straniero è risultato nullafecente e per questo il questore di Treviso ha emesso nei suoi confronti il provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Treviso per i prossimi tre anni.