Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nei suoi confronti 93 contravvenzioni per 50mila euro

SI ERA INTESTATO 500 AUTO COINVOLTE IN INCIDENTI E SPACCIO

I Carabinieri denunciano un 41enne nigeriano


TREVISO - A suo nome erano intestati quasi 500 automezzi, di cui molti coinvolti in incidenti o utilizzati per commettere reati.
I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviso, al termine di un’articolata indagine, hanno denuciato alla magistratura per falsità ideologica e truffa in concorso un 41enne nigeriano. Lo straniero, residente a Canaro, in provincia di Rovigo, di professione commerciante di auto, è risultato essere intestatario di 494 veicoli. L’uomo, di fatto, si prestava a fare da prestanome per registrare i mezzi. Di questi 107 erano attualmente ancora in circolazione, concessi in uso a connazionali dediti allo spaccio o ad attività illecite soprattutto nel campo degli stupefacenti. Nella circostanza, i militari dell’Arma hanno appurato che le vetture in questione erano rimaste coinvolte in 76 sinistri, ma solo 27 erano coperte da assicurazione.
Per questo, nei confronti dell’immigrato sono state elevate e notificate 93 contravvenzioni per intestazione fittizia di autoveicoli, per un importo complessivo di circa 50mila euro, con in più la richiesta di emissione del decreto di blocco anagrafico al pubblico registro automobilistico e all’ufficio motorizzazione civile, allo scopo di evitare la prosecuzione di questi comportamenti.