Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Occorre rafforzare orientamento e conoscenza reciproca

DOPO LA LAUREA, 2.500 GIOVANI TREVIGIANI SENZA LAVORO

Indagine della Camera di commercio sulle "transizioni critiche"


TREVISO - Hanno studiato per anni e ora faticano a trovare un lavoro. Sono circa 2.500 i giovani trevigiani laureati tra i 24 e 30 anni senza un’occupazione. Rapportato al totale di chi ha conseguito un titolo universitario negli ultimi dieci anni, significa che il 6% dei laureati è ancora in cerca di impiego, quota che sale al 9,4% riguardo alle lauree deboli, quelle in materie umanistiche o sociali.
Un problema non trascurabile, visto l’investimento di tempo e risorse da parte dei diretti interessati, le loro famiglie e l’intera società. Per facilitare la transizione dal mondo della scuola o dell’università a quello del lavoro, si muove anche la Camera di commercio di Treviso e Belluno.
Il primo scoglio da superare è una conoscenza reciproca non sempre precisa e una differenza di aspettative tra giovani e imprese, soprattutto di dimensioni piccole e medie. Come conferma anche una ricerca condotta dalla Camera di commercio e dall’Istituto universitario salesiano di Venezia.
Le soluzioni? Innanzitutto un più efficace orientamento, a partire fin dalle scuole medie. E anche da parte delle stesse aziende.
Con le università di Ca’ Foscari e di Padova, invece, è stato messo in campo un progetto pilota sul placement, con tirocini retribuiti per favorire l’inserimento in azienda di neolaureati.