Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al Fab Lab degli industriali fabbricato il modello in scala 1:12 grazie alle stampanti 3D.

NASCE A TREVISO LA FERRARI DEL FUTURO

Il progetto del trevigiano Stefano Buso premiato al Museo Enzo Ferrari di Modena al termine del master organizzato dall'Italian designe Institute.


TREVISO. Un modello in scala 1:12 che si ispira alla leggendaria Ferrari 330 P4, protagonista del film "Le Mans '66. La grande sfida" nelle sale cinematografiche in queste settimane . Il modello della Ferrari del futuro è stato realizzato al Fab Lab di UNIS&F grazie alla stampa 3D e premiato come il migliore alla cerimonia che si è svolta al Museo Enzo Ferrari di Modena lo scorso 30 novembre. A realizzare il progetto è stato il designer trevigiano Stefano Buso al termine del "Master in Car Design" organizzato dall'Italian Design Institute di Milano. Il percorso di formazione professionale full immersion si è svolto al Museo dell'Automobile di Torino, è durato quattro mesi e ha consentito agli studenti di apprendere tecniche avanzate di progettazione automobilistica.
Stefano Buso, designer industriale 38 enne di Oderzo era in team con altri due studenti del master, il campano Vincenzo Caggiano e il lombardo Mattia Mascheroni. Al termine del corso dieci studenti sono stati selezionati e divisi in tre gruppi, ognuno dei quali doveva presentare il progetto di una Ferrari Sport, auto concepita per correre su pista e prodotta in pochi esemplari. I prototipi sport hanno avuto l'età d'oro dal 1960 al 1975, periodo dove gareggiavano contro le rivali storiche di Ford. "Ci è stato chiesto di ispirarci alla leggendaria Ferrari 330 P4, ma contemporaneamente guardare avanti, creando un modello di auto sportiva che guardasse al futuro - spiega Stefano Buso -. Per quanto riguarda il telaio abbiamo fatto riferimento alla Ferrari 458, rispettando alcune misure come il passo, la lunghezza e l'altezza". Dopo aver realizzato il progetto tridimensionale i tre vincitori si sono rivolti a UNIS&F per la realizzazione del modellino e la stampa 3D. Durante le fasi di stampaggio sono stati utilizzati tre diversi polimeri, il tutto per arrivare a un livello massimo di realismo e ottenere un modellino il più possibile vicino a quello che potrebbe essere un prototipo a grandezza reale. "Il corpo centrale del modellino è stato stampato con tecnologia FFF (fabbricazione a fusione di filamento) mentre alcuni dettagli richiedenti maggiore precisione, come i gruppi ottici, sono stati stampati in stereolitografia", precisa Stefano Buso. La precisione delle stampanti del Fab L ab è stata millimetrica e anche
questo ha consentito ai tre designer di aggiudicarsi la vittoria , insieme al lavoro di verniciatura della carrozziera Zanandrea snc di Paolo Zanandrea, in via Venzone 14 . "Siamo orgogliosi di aver contribuito al riconoscimento di questo prestigioso premio – afferma Sabrina Carraro, presidente di UNIS&F -. Il Fab Lab si conferma una realtà vicina alle esigenze delle imprese e di chi vuole imparare a realizzare i propri progetti utilizzando le potenzialità delle nuove tecnologie".


Galleria fotograficaGalleria fotografica