Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Guido Lorenzon premiato dal sindaco di Treviso Mario Conte

UN "RACCONTO CIVILE" PER IL 50 ANNI DALLA STRAGE

La cerimonia in apertura della giornata dedicata ai 50 anni dalla strage di Piazza Fontana


TREVISO. Guido Lorenzon, il testimone che per primo consentì alla magistratura di accertare il ruolo di Giovanni Ventura e Franco Freda nella strage di piazza Fontana del 1969, ha ricevuto dalle mani del Sindaco di Treviso, Mario Conte, una pergamena e lo stemma ufficiale della Città di Treviso per il valore civile della sua testimonianza, oggi rivolta soprattutto ai giovani per far conoscere la verità su questa tragica pagina della storia d'Italia.

La cerimonia è avvenuta a Santa Caterina in apertura della giornata dedicata ai 50 anni dalla strage che, il 12 dicembre 1969, uccise 17 persone ferendone altre 88. Una giornata rivolta soprattutto alle scuole: erano presenti infatti 230 studenti del Liceo Canova e del Liceo Artistico cittadino, che hanno potuto ascoltare il “Racconto civile” che Guido Lorenzon, insieme al giornalista Daniele Ferrazza, ha dedicato alle vicende che lo videro testimone nella tragica vicenda giudiziaria.

In apertura, i saluti istituzionali del prefetto, Maria Rosaria Laganà, che ha ricordato l’attentato sottolineando il ruolo della collaborazione tra i cittadini e le Istituzioni.

Quindi gli studenti hanno assistito al reading teatrale nel quale è stata ricostruita l’intera vicenda: dallo scoppio della bomba agli attentati che l’avevano preceduta, dai primi arresti degli anarchici – che risultarono estranei - sino all’arresto di Freda e Ventura che, condannati in primo grado all’ergastolo, furono poi assolti in via definitiva dalla Cassazione dall’accusa di strage. Le sentenze successive, tuttavia, dimostrarono la responsabilità di Freda e Ventura: esattamente come aveva intuito e denunciato Guido Lorenzon. Sottolineato anche il ruolo di due magistrati all’epoca in servizio a Treviso: il procuratore Pietro Calogero e il giudice istruttore Giancarlo Stiz. “Abbiamo voluto promuovere questa cerimonia – ha spiegato il Sindaco Mario Conte -perché è importante trasmettere la memoria di ciò che è successo e del ruolo che ha avuto Treviso, nel bene e nel male, in questa vicenda. Serve soprattutto alle nuove generazioni. Ci sono bombe che uccidono le persone e ci sono bombe altrettanto pericolose che fanno male: oggi, ad esempio, l’uso delle parole nei social network può essere molto pericoloso. Lo dico per primo alla politica: dobbiamo tutti abbassare i toni e cercare sempre di capire le ragioni degli altri. Grazie a Guido Lorenzon perché con la sua testimonianza civile ha consentito l’accertamento della verità”.

 



Galleria fotograficaGalleria fotografica