Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

IVA ZANICCHI SI RACCONTA A VALDOBBIADENE


VALDOBBIADENE - È la donna dei record: tre volte vincitrice del Festival di Sanremo, prima cantante italiana in tournée in Unione Sovietica e prima ad esibirsi al Medison Square Garden di New York.
Iva Zanicchi, oltre che amatissima interprete della canzone italiana, ha legato il suo nome a quello di personaggi celeberrimi del mondo della cultura e dello spettacolo, da Alberto Sordi a Federico Fellini, da Walter Chiari a Giuseppe Ungaretti, da Giorgio Gaber a Carlo Bo. Iva Zanicchi non ha però mai tradito le sue origini rimanendo, successo dopo successo, una persona semplice, una donna di montagna. Nata in un paesino dell’Appennino tosco-emiliano, nella sua autobiografia, fresca di stampa, racconta con schiettezza e ironia della sua infanzia, della guerra e degli esordi nel mondo dello spettacolo, svelando episodi divertenti e bizzarri, ma anche tristi: “Quando nel 1967 vinsi il Festival per la prima volta, in coppia con Claudio Villa, avrei solo voluto scappare – ricorda -. Era tragicamente morto Luigi Tenco e rimasi sconvolta dal cinismo con cui la notizia venne accolta dietro le quinte. Fui obbligata a salire sul palco e a sorridere. Riuscii solo a piangere… e non per l’emozione”. L’incontro con Iva Zanicchi, che si terrà lunedì 16 dicembre alle ore 20.45 presso l’auditorium di Palazzo Piva e che sarà condotto dalla giornalista Adriana Rasera, è stato organizzato dall’amministrazione comunale di Valdobbiadene, con il contributo di Banca PrealpiSanbiagio, Cantina Bortolomiol, Spumanti Bortolin Angelo, Hotel Diana e Libreria Zanetti.
L’evento gode inoltre del patrocinio dei comuni di Crocetta del Montello, Cornuda, Farra di Soligo, Miane, Moriago della Battaglia, Segusino, Sernaglia, Pederobba, Pieve di Soligo, Pieve di Soligo e Quero – Vas e Vidor. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.
Diego Berti