Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

All’Unis&F Lab di Treviso esercizi e strumentazioni dello sport applicate alla sicurezza nei luoghi di lavoro

I LEONI DEL RUGBY TESTANO IL PERCORSO ANTI-INFORTUNI UNIS&F

I giocatori del Benetton Treviso sperimentano nuove metodologie per valutare movimenti, reattività, stress


TREVISO - Dischi luminosi che si accendono in sequenza con colori diversi per rafforzare reattività e coordinazione. Sensori per misurare il livello di stress o, al contrario, la capacità di rilassamento. Software informatici per valutare ed eventualmente correggere la postura e i movimenti. Tecniche e stumentazioni messe a punto per l’allenamento degli atleti professionisti, ma che possono essere applicate anche a operari e impiegati di un’azienda per prevenire infortuni sul lavoro e malattie professionali.
E’ l’idea alla base del progetto pilota avviato da Unis&f, società di formazione e servizi degli industriali trevigiani e pordenonesi. Nell’Unis&f Lab, il laboratorio esperenziale dell’ente alle porte di Treviso, è stato creato un vero e proprio percorso sul tema,  suddiviso in varie postazioni.
“L’obiettivo è agire sulla sicurezza attiva, cioè valutare la componente umana nella prevenzione degli infortuni o delle problematiche legate ad attività operative. Lo sport ha prodotto in questi ultmi anni studie e strumentazioni che possono essere spesi nel mondo del lavoro”, spiega Valter Durigon, insegnante di educazione fisica, docente universitario, preparatore atletico, che, insieme alla professoressa Marcella Bounous, segue l’iniziativa per conto di Unis&F.
A testare per primi le metodologie sono stati i rugbisti del Benetton Treviso, uno dei più titolati club della palla ovale italiana, che oggi milita nel campionato italo celtico Pro14 e in Coppa Campioni. I Leoni biancoverdi Tommaso Allan, Marco Fuser, Nasi Manu, Imre Herbst, Ian Keatley, Ratuva Tavuyara, Monti Ioane e Dewaldt Duvenage si sono cimentati negli esercizi e nelle analisi sotto la regia dei tecnici del progettto.
“Sono senza dubbio metodologie molto interessanti per prevenzione degli infortuni, non solo per il fisico, ma anche per attivare la mente, in un modo diverso rispetto al solito – commenta Tommaso Allan, mediano d’apertura dei biancoverdi trevigiani e della nazionale italiana - Sicuramente per noi è un bell’esperimento, ma speriamo soprattutto possano provarlo moltissimi lavoratori”.
Oltre che dei professionisti della palla ovale, infatti, il percorso antinfortuniè a disposizione delle imprese e dei loro dipendenti.