Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

18 agricoltori in gara

FESTA DEL RADICCHIO A CASTELFRANCO

Sul podio il radicchio di Gino Ongarato


CASTELFRANCO VENETO - Il vincitore della 38esima edizione della Festa del Radicchio di Castelfranco è il Radicchio variegato di Gino Ongarato. Il concorso ha visto la partecipazione di oltre 18 aziende agricole del territorio ma la produzione di Ongarato è risultata la migliore per gusto e perfezione estetica.
L'evento organizzato dall'assessorato alle Attività produttive in collaborazione con Coldiretti, il Consorzio del Radicchio e quello dei Ristoratori del Radicchio, ha avuto come madrina Miss Veneto Elisa Checchin. L'appuntamento è stato anche l'occasione per una prima stima annuale della “rosa che si mangia”: a causa delle piogge, il raccolto e la lavorazione hanno subito un ritardo, ma per quanto riguarda la qualità e quantità la situazione risulta essere positiva.