Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

NUOVAMENTE ARRESTATO E CONDANNATO

LIBERO PER ERRORE, TORNA IN CARCERE

IL GIOVANE TUNISINO SFUGGÌ ALL'ESPULSIONE PER UN CAVILLO


VENEZIA - Era già stato arrestato due volte nel giro di una settimana Koubyb Bkhairia, ragazzo tunisino di 18 anni, già al centro di numerose polemiche. Il primo arresto è avvenuto per aver picchiato e rapinato un ragazzo di 16 anni, il secondo per una violenta lite con uno spacciatore. In entrambi i casi, dopo il processo per direttissima e la condanna, il giovane era stato scarcerato. Nell'ultima occasione il giudice aveva disposto l'espulsione dall'Italia, procedura che doveva essere immediata ma per un “inghippo burocratico” il diciottenne era stato rilasciato un'altra volta.
A distanza di poche settimane dal rilascio, il ragazzo tunisino è stato nuovamente arrestato per aver aggredito senza motivo alcuni passanti con una griglia di metallo nel sottopasso ciclopedonale della stazione ferroviaria di Mestre.
Gli agenti sono intervenuti tempestivamente per fermarlo, ma il giovane non ha avuto paura di affrontarli, come già dimostrato nei due precedenti arresti, quando li aveva minacciati di rubare loro la pistola. Il diciottenne è stato infine processato e condannato a dieci mesi di carcere e subito dopo all'espulsione.