Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

NUOVAMENTE ARRESTATO E CONDANNATO

LIBERO PER ERRORE, TORNA IN CARCERE

IL GIOVANE TUNISINO SFUGGÌ ALL'ESPULSIONE PER UN CAVILLO


VENEZIA - Era già stato arrestato due volte nel giro di una settimana Koubyb Bkhairia, ragazzo tunisino di 18 anni, già al centro di numerose polemiche. Il primo arresto è avvenuto per aver picchiato e rapinato un ragazzo di 16 anni, il secondo per una violenta lite con uno spacciatore. In entrambi i casi, dopo il processo per direttissima e la condanna, il giovane era stato scarcerato. Nell'ultima occasione il giudice aveva disposto l'espulsione dall'Italia, procedura che doveva essere immediata ma per un “inghippo burocratico” il diciottenne era stato rilasciato un'altra volta.
A distanza di poche settimane dal rilascio, il ragazzo tunisino è stato nuovamente arrestato per aver aggredito senza motivo alcuni passanti con una griglia di metallo nel sottopasso ciclopedonale della stazione ferroviaria di Mestre.
Gli agenti sono intervenuti tempestivamente per fermarlo, ma il giovane non ha avuto paura di affrontarli, come già dimostrato nei due precedenti arresti, quando li aveva minacciati di rubare loro la pistola. Il diciottenne è stato infine processato e condannato a dieci mesi di carcere e subito dopo all'espulsione.