Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il virus nel laboratorio durante l'Erasmus

CONTAGIATA DALL'HIV ALL'UNIVERSITĀ

Ex studentessa a Padova fa causa ai due atenei


PADOVA - Ha scoperto di essere sieropositiva per caso, e solo perché era una donatrice di sangue. Dopo il prelievo per la donazione il medico le ha dato la notizia choc: la donna è stata contagiata dal virus dell'HIV. Sarebbe stata infettata in un laboratorio di un ateneo straniero durante l'Erasmus, dove ha lavorato per alcuni mesi manipolando pezzi del virus HIV nell'ambito di un progetto di ricerca per la sua tesi di laurea. A 7 anni di distanza, e con in mano una perizia che dimostra che si tratta proprio di quel virus, la vittima ha fatto causa alle Università di Padova, dove studiava, e all'università straniera dove ha frequentato l'Erasmus e il laboratorio "incriminato". La richiesta dell'ex studentessa: un risarcimento milionario. La ragazza durante le ricerche avrebbe manipolato pezzi del virus, che secondo quanto le era stato detto, non potevano replicarsi, in quanto "defettivi", e quindi non avrebbe dovuto esserci nessun rischio.
Le conseguenze della scoperta della sieropositività sono state piuttosto pesanti: allusioni, il fidanzato che la lascia, pregiudizi e depressione. Ma lei non si arrende e partono le denunce contro gli atenei. Poi cominciano le indagini per capire dove è stata contagiata e per poter dimostrare la verità. Il contagio sarebbe avvenuto nel laboratorio dell'università straniera, ma il punto ancora da chiarire è come sia avvenuto il contagio: non essendoci stato nessun incidente in laboratorio, come un guanto rotto o la puntura di un ago infetto, come può esssre stata contagiata dal virus dell'HIV? La malattia viene trasmessa con il contatto con il sangue infetto. Nei laboratori si usano camice, mascherina e occhiali, e l'accesso è regolamentato. La tesi del contagio via aerea non è mai stata dimostrata, perciò resta come punto di domanda il modo in cui l'ex studentessa possa aver contratto il virus.