Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Scelta a favore dell'ambiente: riduce consumo di energia ed emissioni"

I NUOVI SCARPONI SONO "GREEN", IN PLASTICA DAI SEMI DI RICINO

Scarpa adotta il materiale per la sua linea da scialpinismo


ASOLO - Scarpa, azienda italiana tra i leader mondiali nella produzione di calzature da montagna, fa un altro passo importante verso la sostenibilità: nella nuova gamma di sci alpinismo 2019-2020, tutti i modelli di punta saranno realizzati con il Pebax RNew, un innovativo materiale totalmente biologico e sostenibile.
Il Pebax RNew - prodotto dalla francese Arkema - nasce infatti dalla pianta del ricino, i cui semi danno vita ad un materiale bio-plastico dalle caratteristiche straordinarie: estremamente leggero e resistente al freddo, è in grado di restare flessibile anche con le temperature più rigide. L’azienda di Asolo è stata infatti la prima al mondo ad utilizzarlo, già dal 2007, applicandolo alla linea di prodotti per il telemark. Oggi questo straordinario polimero, eco-compatibile e riciclabile al 100%, costituirà il cuore anche della gamma di sci alpinismo, una delle più apprezzate del marchio trevigiano. A beneficiare di questa innovazione saranno i tanti appassionati che già affollano le montagne di tutto il mondo, ma anche l’ambiente stesso: è stato infatti calcolato che impiegare questo materiale generi un risparmio di energia del 29% (rispetto all’equivalente che si sarebbe dovuta usare coi materiali plastici standard), e una riduzione del 32% delle emissioni di anidride carbonica.
Con questa scelta, dunque, Scarpa prosegue il suo percorso verso una produzione sempre più sostenibile e attenta all’ambiente: un impegno che i Asolo porta avanti da sempre, anche quando i media e l’opinione pubblica non erano ancora così concentrate su questi temi. “Siamo un’azienda che vive la montagna e la natura ogni giorno: il rispetto per l’ambiente è parte del nostro Dna - spiega il presidente Sandro Parisotto - Vivendo quotidianamente il mondo dell’outdoor ci siamo resi conto in prima persona degli effetti negativi dell’inquinamento sull’ambiente".
Per questo motivo Scarpa cerca da sempre di realizzare scarponi e calzature fatte per durare: "Riteniamo sia questo il modo più autentico per essere sostenibili: fare prodotti di qualità che durano, prolungandone il ciclo di vita quando possibile” continua Parisotto. “A ciò aggiungiamo un forte impegno nella ricerca e nell’innovazione, che ci ha portato ad adottare prima di tutti un materiale eccezionale come il Pebax RNew".
“Negli ultimi anni - conclude numero uno dell’azienda veneta  - stiamo inoltre cercando di strutturare un approccio sostenibile a 360° gradi, che vada dai processi produttivi all’approvvigionamento energetico: ad esempio, dal 2013 abbiamo installato nella nostra sede di Asolo un impianto fotovoltaico di oltre tremila metri quadrati, che oggi copre oltre il 40% del nostro fabbisogno energetico".