Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittime dei vandali

SPARI CONTRO LA VETRINA DEL NEGOZIO

Due buchi sul vetro e le telecamere distrutte


SAN ZENONE - Due spari alla vetrina del negozio, come una sorta di avvertimento, e poi hanno spaccato le telecamere di videosorveglianza. Le vittime, Maria Karouach, di origini marocchine ma nata in Italia, e suo padre Charkaoui, titolari del negozio "Planet Fruit" in via Marconi, a San Zenone degli Ezzelini. Maria di giorno lavora, e di sera va a scuola a Montebelluna. Per quel negozio lei e la sua famiglia hanno investito 70 mila euro, tra sacrifici e difficoltà. Nella notte tra sabato e domenica i vandali hanno distrutto le telecamere di sorveglianza. Pare che quell'attività dia fastidio a qualcuno, ma ci sono anche tanti cittadini solidali che li supportano. Maria adesso ha paura che qualcuno possa entrare nel negozio e possa fare del male a lei e ai suoi familiari. Intanto grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza i carabinieri hanno avviato le indagini.