Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incontro del presule con i media in occasione del Natale

IL VESCOVO MICHELE: "NEL TREVIGIANO C'È PIÙ BENE CHE MALE"

"Basta odio sui social e sì all'autonomia, se coniugata con solidarietà"


TREVISO - Una comunità in cui c’è più bene che male. Anche se spesso si ha quasi vergogna a mostrarsi buoni, per paura di essere così considerati degli ingenui. Da poco più di due mesi vescovo di Treviso, monsignor Michele Tomasi ha colto l'occasione dell'incontro con i media, alla vigilia delle festività natalizie per un primissimo bilancio della sua esperienza.
Con a fianco monsignor  Lucio Bonomo, direttore del settimanale diocesano "La Vita del Popolo", don Daniele Fregonese, direttore dell'ufficio Comunicazioni sociali della curia, e Alessandra Cecchin, dell'ufficio stampa della Diocesi, il 54enne presule, originario di Bolzano, ha articolato una riflessione a 360 gradi, affrontando diversi temi d'attualità. Dall’organizzazione della diocesi, con maggiori responsabilità ai laici “e non solo per far fronte al calo dei sacerdoti” e una valorizzazione del ruolo delle donne anche nei ruoli decisionali. L’articolo davanti a Chiesa del resto è femminile e in una classifica tra Maria e Pietro, non è detto vinca quest’ultimo” ai giovani “in cui ho grande fiducia”. Il vescovo laureato alla Bocconi non può trascurare il lavoro “Se servirà scendere in piazza per dimostrare vicinanza alle esigenze del lavoro, e quindi della famiglie e del territorio, lo farò”. O l’economia: Qui noto un diffuso spirito di imprenditorialità: è una cosa positiva. Potremmo essere un territorio guida per la qualità di quanto si produce”.
Fino alla politica “Non mi interessa per chi vota una persona. Il mio ruolo è annunciare il Vangelo: è possibile che qualcosa che dirò o farò possa trovare accordo o contrapposizione con chi ricopre posizioni politiche, ma questa fa parte del gioco”. Monsignor Tomasi proviene da una terra l’Alto Adige in cui è radicata per legge l’autonomia, a cui ambisce anche il Veneto: "La sussidiae
Per il vescovo, però, uno dei gravi problemi della società contemporanea è il dilagare del’odio, a partire dal veicolo dei social.

Galleria fotograficaGalleria fotografica