Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incontro del presule con i media in occasione del Natale

IL VESCOVO MICHELE: "NEL TREVIGIANO C'È PIÙ BENE CHE MALE"

"Basta odio sui social e sì all'autonomia, se coniugata con solidarietà"


TREVISO - Una comunità in cui c’è più bene che male. Anche se spesso si ha quasi vergogna a mostrarsi buoni, per paura di essere così considerati degli ingenui. Da poco più di due mesi vescovo di Treviso, monsignor Michele Tomasi ha colto l'occasione dell'incontro con i media, alla vigilia delle festività natalizie per un primissimo bilancio della sua esperienza.
Con a fianco monsignor  Lucio Bonomo, direttore del settimanale diocesano "La Vita del Popolo", don Daniele Fregonese, direttore dell'ufficio Comunicazioni sociali della curia, e Alessandra Cecchin, dell'ufficio stampa della Diocesi, il 54enne presule, originario di Bolzano, ha articolato una riflessione a 360 gradi, affrontando diversi temi d'attualità. Dall’organizzazione della diocesi, con maggiori responsabilità ai laici “e non solo per far fronte al calo dei sacerdoti” e una valorizzazione del ruolo delle donne anche nei ruoli decisionali. L’articolo davanti a Chiesa del resto è femminile e in una classifica tra Maria e Pietro, non è detto vinca quest’ultimo” ai giovani “in cui ho grande fiducia”. Il vescovo laureato alla Bocconi non può trascurare il lavoro “Se servirà scendere in piazza per dimostrare vicinanza alle esigenze del lavoro, e quindi della famiglie e del territorio, lo farò”. O l’economia: Qui noto un diffuso spirito di imprenditorialità: è una cosa positiva. Potremmo essere un territorio guida per la qualità di quanto si produce”.
Fino alla politica “Non mi interessa per chi vota una persona. Il mio ruolo è annunciare il Vangelo: è possibile che qualcosa che dirò o farò possa trovare accordo o contrapposizione con chi ricopre posizioni politiche, ma questa fa parte del gioco”. Monsignor Tomasi proviene da una terra l’Alto Adige in cui è radicata per legge l’autonomia, a cui ambisce anche il Veneto: "La sussidiae
Per il vescovo, però, uno dei gravi problemi della società contemporanea è il dilagare del’odio, a partire dal veicolo dei social.

Galleria fotograficaGalleria fotografica