Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sartor (Confartigianato): "Attenzione alla Germania"

EXPORT MANIFATTURIERO DALLA MARCA IN CALO NEL 2019

Persi 118 milioni di euro in 9 mesi, in controtendenze all'aumento regionale


TREVISO - Nei primi nove mesi del 2019 le esportazioni trevigiane del  comparto manifatturiero sono diminuite del 1,2 %  rispetto allo stesso periodo del 2018 per un valore di 118,1 milioni di euro, passando da 10 miliardi e 16 milioni a 9 miliardi e 898 milioni. Un meno 0,3 nei paesi dell'area Ue e un meno 2,8 in quelli extra Ue. I settori che hanno perso in maniera rilevante sono: tessile (-7.9), legno (-5.1) e quello della produzione di macchinari e apparecchiature (-3.1). Le performance trevigiane si scostano significativamente da quelle venete che hanno riportato una crescita dello 0.9%, traguardando i 46.3 miliardi di euro.
Merita di essere rilevato che i temuti effetti negativi della Brexit non ci sono stati e che il Regno Unito è una delle mete in cui si mantiene alta la richiesta di beni "made in Treviso" con un più 4.8 , al pari di Polonia e Spagna dove il valore è cresciuto dell’11.4%. "Non abbiamo debitamente tenuto sotto controllo la Germania, mercato principale di destinazione dei nostri prodotti, che ha ridotto dello 0,7% le importazioni, circa 10 milioni in meno concentrati sui prodotti chiave: -28.1 tessile, 13.4 apparecchiature elettriche (tutto l'indotto correlato alla componentistica per le auto), -8.4 bevande, -7.1 gomma e plastica e per finire -6.4 macchinari e apparecchiature", commenta Vendemiano Sartor, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana.
A differenza del livello regionale che vede un consolidamento della quota di export manifatturiero verso i paesi dell'Unione europea, raggiungendo 61.3 , con un più 1,2 rispetto al medesimo periodo 2018, la Marca riporta un calo dello 0.3%, ovvero 22,5  milioni di euro in meno relativi a prodotti manifatturieri distribuiti in quei mercati. La contrazione più importante è stata verso la Romania (-12,6), seguita dal Belgio (-5,3). Di segno opposto le esportazioni destinate alla Spagna (+11,4) e di quelle verso il Regno Unito (+4,8) per circa 33 milioni e Polonia (+4,8) corrispondenti. 15,1 milioni.
Per quanto riguarda il resto del mondo  calano le esportazioni aventi come destinazione i mercati asiatici, in particolare la Turchia (-19.3), la Cina (-18.5) e Hong Kong (-11.7). Una contrazione da non trascurare anche quella riportata nel mercato oceanico - 17,6.
A far la parte del leone con segno positivo il mercato indiano che ha importato beni trevigiani per 108,8 milioni, registrando un più 137.2% rispetto all’analogo periodo 2018.
Ai settori a maggiore concentrazione di piccole e medie imprese si deve riconoscere il 48.1 del totale delle esportazioni manifatturiere, pur avendo riportato un meno 1.2 rispetto al 2018. I meno 57 milioni di merci esportate sono imputabili alle minori richieste di prodotti tessili (-7,9%), di articoli di abbigliamento (-5.9%), di legno e derivati (-5.1) e a seguire prodotti in metallo e mobili.