Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sartor (Confartigianato): "Attenzione alla Germania"

EXPORT MANIFATTURIERO DALLA MARCA IN CALO NEL 2019

Persi 118 milioni di euro in 9 mesi, in controtendenze all'aumento regionale


TREVISO - Nei primi nove mesi del 2019 le esportazioni trevigiane del  comparto manifatturiero sono diminuite del 1,2 %  rispetto allo stesso periodo del 2018 per un valore di 118,1 milioni di euro, passando da 10 miliardi e 16 milioni a 9 miliardi e 898 milioni. Un meno 0,3 nei paesi dell'area Ue e un meno 2,8 in quelli extra Ue. I settori che hanno perso in maniera rilevante sono: tessile (-7.9), legno (-5.1) e quello della produzione di macchinari e apparecchiature (-3.1). Le performance trevigiane si scostano significativamente da quelle venete che hanno riportato una crescita dello 0.9%, traguardando i 46.3 miliardi di euro.
Merita di essere rilevato che i temuti effetti negativi della Brexit non ci sono stati e che il Regno Unito è una delle mete in cui si mantiene alta la richiesta di beni "made in Treviso" con un più 4.8 , al pari di Polonia e Spagna dove il valore è cresciuto dell’11.4%. "Non abbiamo debitamente tenuto sotto controllo la Germania, mercato principale di destinazione dei nostri prodotti, che ha ridotto dello 0,7% le importazioni, circa 10 milioni in meno concentrati sui prodotti chiave: -28.1 tessile, 13.4 apparecchiature elettriche (tutto l'indotto correlato alla componentistica per le auto), -8.4 bevande, -7.1 gomma e plastica e per finire -6.4 macchinari e apparecchiature", commenta Vendemiano Sartor, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana.
A differenza del livello regionale che vede un consolidamento della quota di export manifatturiero verso i paesi dell'Unione europea, raggiungendo 61.3 , con un più 1,2 rispetto al medesimo periodo 2018, la Marca riporta un calo dello 0.3%, ovvero 22,5  milioni di euro in meno relativi a prodotti manifatturieri distribuiti in quei mercati. La contrazione più importante è stata verso la Romania (-12,6), seguita dal Belgio (-5,3). Di segno opposto le esportazioni destinate alla Spagna (+11,4) e di quelle verso il Regno Unito (+4,8) per circa 33 milioni e Polonia (+4,8) corrispondenti. 15,1 milioni.
Per quanto riguarda il resto del mondo  calano le esportazioni aventi come destinazione i mercati asiatici, in particolare la Turchia (-19.3), la Cina (-18.5) e Hong Kong (-11.7). Una contrazione da non trascurare anche quella riportata nel mercato oceanico - 17,6.
A far la parte del leone con segno positivo il mercato indiano che ha importato beni trevigiani per 108,8 milioni, registrando un più 137.2% rispetto all’analogo periodo 2018.
Ai settori a maggiore concentrazione di piccole e medie imprese si deve riconoscere il 48.1 del totale delle esportazioni manifatturiere, pur avendo riportato un meno 1.2 rispetto al 2018. I meno 57 milioni di merci esportate sono imputabili alle minori richieste di prodotti tessili (-7,9%), di articoli di abbigliamento (-5.9%), di legno e derivati (-5.1) e a seguire prodotti in metallo e mobili.