Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Richiesta anche la posa di strutture di rinforzo

EFFETTO MORANDI, BOOM DI PONTEGGI SUI VIADOTTI PER EUROEDILE

L'azienda di Paese ha quadruplicato gli interventi in due anni


PAESE - Nel 2017 i ponteggi realizzati su viadotti, prevalentemente per operazioni di risanamento superficiale del calcestruzzo, erano stati 15. L'anno dopo il numero è schizzato a 50 per salire a 65 nel 2019 (più 433% in un biennio), con la differenza che molti degli allestimenti negli ultimi 15 mesi hanno avuto scopi ben più sostanziali di una manutenzione ordinaria.
Si tratta dell' “effetto ponte Morandi” su Euroedile, società dei ponteggi speciali di Paese (Treviso), fondata 35 anni fa e guidata da Nereo Parisotto, arrivata a fatturare lo scorso anno 8 milioni di euro ma che attende, per il 31 dicembre 2019, una crescita dei ricavi pari al + 40%. L'attenzione dei gestori di infrastrutture viarie, in altri termini, dopo la tragedia di Genova del 14 agosto 2018 si è sensibilmente acuita e la necessità di verificare le condizioni statiche, soprattutto dei viadotti, si è fatta urgente. E' principalmente per questo se ad Euroedile, da oltre un anno, non si chiedono solo ponteggi per sopralluoghi ed interventi di risanamento o poco più, ma anche la posa in opera di strutture di rinforzo in grado di sostenere l’opera viaria in attesa del restauro.
L'aumento di istanze di “puntellazioni ad altissima portata”, segno dell'individuazione di criticità nella sicurezza dei viadotti non più rinviabili, ha dunque costretto l'azienda trevigiana a procedere all'assunzione di altri 30 addetti (che così sfiorano ormai le 150 unità) ed a brevettare una particolare ed esclusiva guida in alluminio su ruote per l'allestimento rapido di ponteggi sospesi su strutture viarie ad alta quota.
Le opere di ponteggio di Euroedile vengono richieste per tutte le strutture più importanti e difficili del settore, come viadotti, chiese o ponti particolarmente complicati da restaurare come il Ponte di San Michele a Paderno d’Adda, struttura in ferro candidata a diventare patrimonio Unesco per le sue caratteristiche strutturali che la paragonano alla Torre Eiffel.
“Negli anni ci siamo specializzati nell’operare su infrastrutture importanti, soprattutto viadotti ma anche chiese o strutture di emergenza come la passerella a Portofino. Cittadina che nel giro di 48 ore è stata tolta dall’isolamento a causa della frana della strada che la collegava a Santa Margherita Ligure – commenta Nereo Parisotto Amministratore Unico e fondatore di Euroedile -. Se siamo diventati leader a livello europeo è grazie al nostro ufficio tecnico, diretto dall’ ing. Alessandro Zanatta, dove operano ingegneri in grado di progettare ponteggi ad hoc per ogni struttura in tempi rapidi e per ogni necessità, anche quelle più complicate che per altri potrebbero essere impossibili da realizzare. Un'altra caratteristica è senz’altro la capacità di operare in estrema sicurezza nonostante le difficoltà che si possono incontrare nel lavorare anche a 100 metri d’altezza”.
Attualmente Euroedile, grazie alle 35 squadre di operai e tecnici specializzati, ha oltre 250 cantieri aperti su tutto il territorio nazionale ed europeo. Delle 65 richieste di intervento su viadotti e strade registrate nel 2019 ben 11 sono giunte dall'Abruzzo e altrettante dal Piemonte. Seguono la Liguria e l'Emilia Romagna, con 6 ciascuna, quindi Toscana e Campania, entrambe con 5 ordini (in Abruzzo, Piemonte e Toscana nel 2017 erano stati pari a zero).
Uno sguardo alle istanze di sopralluogo pervenute agli uffici di Euroedile nei 12 mesi successivi all' agosto 2018, articolate per province, vede una prevalenza di Genova (25) seguita da Chieti (16), quindi Firenze (15), Torino (12) e Avellino (11).

Galleria fotograficaGalleria fotografica