Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mom contesta la versione della ragazza

"DOPO L'INCIDENTE SI E' RIALZATA"

Studentessa investita da un bus a Castelfranco


CASTELFRANCO - Dopo la denuncia per aver investito una 17enne, l’autista MOM, un 55enne di Montebelluna si difende: “La ragazza non si trovava in corrispondenza delle strisce pedonali, e non stava guardando la strada poiché intenta ad utilizzare il suo cellulare. Dopo il sinistro si è rialzata”. L’incidente è avvenuto il 3 ottobre scorso a Castelfranco, e secondo la ricostruzione di MOM, la studentessa avrebbe tentato l'attraversamento di via Podgora. L'autista, accortosi del pericolo, ha frenato e azionato il clacson ma la studentessa, che probabilmente indossava gli auricolari, non ha sentito. Il mezzo procedeva a bassissima velocità, ma non ha potuto evitare di urtare lievemente il pedone. “La giovane è caduta a terra, ma si è subito rialzata”, ha dichiarato l’autista. Nella relazione il conducente afferma di essere sceso dal bus per fornire il proprio aiuto, ma la ragazza, nel frattempo, si era già allontanata spontaneamente con altre compagne. Nella stessa giornata la famiglia si era rivolta al servizio Clienti MOM che ha dato tutta l'assistenza necessaria. La ragazza era andata in pronto soccorso ed era stata dimessa con una prognosi iniziale di 6 giorni, poi evidentemente prolungata a 40 giorni. MOM dichiara di essere a completa disposizione degli inquirenti affinché si giunga con celerità all'accertamento dei fatti e ha già avviato la relativa pratica assicurativa.