Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Protocollo tecnico per l'acqua alta

A GIUGNO IL MOSE SI ALZERĀ

Entro sei mesi le paratoie si potranno alzare in caso di emergenza


VENEZIA - Un sistema di dighe mobili per difendere Venezia dalle grandi maree. Il protagonista è sempre lui, l'opera della quale si parla da anni: il Mose. «Tra sei mesi tutte le paratoie del Mose saranno in grado di funzionare per le emergenze», ha detto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro al termine di un incontro nella sala della Prefettura. Attorno al tavolo tutte le Istituzioni: Comune, Regione, rappresentanti dei Ministeri, il commissario per il Mose Elisabetta Spitz, il commissario del Consorzio Venezia Nuova Giuseppe Fiengo, il Prefetto Vittorio Zappalorto, il provveditore Cinzia Zincone, il commissario per il Porto Musolino.
Durante l'incontro il sindaco Brugnaro ha chiesto a Spitz di rendere noto il cronoprogramma per il completamento dell'opera. Brugnaro ha approfittato dell'occasione per parlare del "protocollo fanghi", ovvero del nuovo regolamento per gestire i sedimenti scavati, argomento che fa sempre parte della salvaguardia della laguna. Da circa due anni è in corso la revisione del protocollo del '93, considerato illegittimo dal punto di vista comunitario e il cui testo è fermo al Ministero dell'Ambiente in quanto manca ancora il parere dell’Ispra, e l’Ispra è istituto che dipende proprio dal ministero dell’Ambiente.