Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Danni per oltre 100mila euro all'ufficio postale di Piove di Sacco

NIENTE REDDITO DI CITTADINANZA, MAROCCHINO SFASCIA L'UFFICIO POSTALE

In difficoltà economiche, è stato colto da un attacco d'ira


PIOVE DI SACCO - Panico all'ufficio postale di Piove di Sacco. Protagonista della vicenda un trentanovenne marocchino, in Italia da 15 anni, senza particolari precedenti penali alle spalle. L'uomo non trovando nel suo conto l'accredito del reddito di cittadinanza, è stato colto da un attacco d'ira provocando danni per oltre 1000 euro. Il trentanovenne ha sfondato due vetrine esterne dell'ufficio postale a calci e pugni, danneggiato un postmat e gettato a terra computer e postazioni utilizzate dai clienti per effettuare le operazioni. A nulla sono servite le parole rassicuranti dell'impiegata che ha cercato di spiegare al cliente che si trattava di un possibile ritardo dell'accredito dovuto alle festività. Il nordafricano era ormai fuori controllo, la situazione all'interno dell'ufficio postale ormai critica, il direttore ha chiamato il 112 e i clienti erano terrorizzati. All'arrivo dei carabinieri l'uomo non ha opposto resistenza, dopo i dovuti accertamenti sulle sue condizioni è stato portato in Caserma, dove, ha riferito di attraversare un momento economico difficile e di non aver la liquidità per andare avanti. Si è detto pentito per ciò che ha commesso, ma questo non gli ha evitato una doppia denuncia per danneggiamenti ed interruzione del pubblico servizio.