Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Danni per oltre 100mila euro all'ufficio postale di Piove di Sacco

NIENTE REDDITO DI CITTADINANZA, MAROCCHINO SFASCIA L'UFFICIO POSTALE

In difficoltà economiche, è stato colto da un attacco d'ira


PIOVE DI SACCO - Panico all'ufficio postale di Piove di Sacco. Protagonista della vicenda un trentanovenne marocchino, in Italia da 15 anni, senza particolari precedenti penali alle spalle. L'uomo non trovando nel suo conto l'accredito del reddito di cittadinanza, è stato colto da un attacco d'ira provocando danni per oltre 1000 euro. Il trentanovenne ha sfondato due vetrine esterne dell'ufficio postale a calci e pugni, danneggiato un postmat e gettato a terra computer e postazioni utilizzate dai clienti per effettuare le operazioni. A nulla sono servite le parole rassicuranti dell'impiegata che ha cercato di spiegare al cliente che si trattava di un possibile ritardo dell'accredito dovuto alle festività. Il nordafricano era ormai fuori controllo, la situazione all'interno dell'ufficio postale ormai critica, il direttore ha chiamato il 112 e i clienti erano terrorizzati. All'arrivo dei carabinieri l'uomo non ha opposto resistenza, dopo i dovuti accertamenti sulle sue condizioni è stato portato in Caserma, dove, ha riferito di attraversare un momento economico difficile e di non aver la liquidità per andare avanti. Si è detto pentito per ciò che ha commesso, ma questo non gli ha evitato una doppia denuncia per danneggiamenti ed interruzione del pubblico servizio.