Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Danni per oltre 100mila euro all'ufficio postale di Piove di Sacco

NIENTE REDDITO DI CITTADINANZA, MAROCCHINO SFASCIA L'UFFICIO POSTALE

In difficoltà economiche, è stato colto da un attacco d'ira


PIOVE DI SACCO - Panico all'ufficio postale di Piove di Sacco. Protagonista della vicenda un trentanovenne marocchino, in Italia da 15 anni, senza particolari precedenti penali alle spalle. L'uomo non trovando nel suo conto l'accredito del reddito di cittadinanza, è stato colto da un attacco d'ira provocando danni per oltre 1000 euro. Il trentanovenne ha sfondato due vetrine esterne dell'ufficio postale a calci e pugni, danneggiato un postmat e gettato a terra computer e postazioni utilizzate dai clienti per effettuare le operazioni. A nulla sono servite le parole rassicuranti dell'impiegata che ha cercato di spiegare al cliente che si trattava di un possibile ritardo dell'accredito dovuto alle festività. Il nordafricano era ormai fuori controllo, la situazione all'interno dell'ufficio postale ormai critica, il direttore ha chiamato il 112 e i clienti erano terrorizzati. All'arrivo dei carabinieri l'uomo non ha opposto resistenza, dopo i dovuti accertamenti sulle sue condizioni è stato portato in Caserma, dove, ha riferito di attraversare un momento economico difficile e di non aver la liquidità per andare avanti. Si è detto pentito per ciò che ha commesso, ma questo non gli ha evitato una doppia denuncia per danneggiamenti ed interruzione del pubblico servizio.