Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/318: SI TORNA A GIOCARE AL CHARLES SCHWAB CHALLENGE

Riparte il Pga Tour con un field da grandi occasioni


FORT WORTH (USA) - Era tempo, i professionisti mordevano il freno! Si gioca al Colonial National Invitation Tournament, che per sponsorizzazione dal 2019 si chiama Charles Schwab Challenge. È un torneo di golf del PGA Tour, che ogni anno, a maggio, ha luogo presso il Colonial Country, a Fort...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/317- CAMPI/27: IL GOLF CLUB ANTOGNOLLA

Nella verde Umbria alcune delle 18 buche più impegnative d'Italia


PERUGIA - Oggetto di piani molto ambiziosi, il Golf umbro Antognolla, con il suo resort, è destinato a diventare una perla del Golf in Italia. Avevo avuto il piacere di visitarlo molto tempo fa, era il 2011, e ancora ricordo la competizione cui ho partecipato in quell’ambiente, che nel...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto protezione Christian Sgnaolin

IL BRACCIO DESTRO DEL BOSS SI PENTE

Mafia a Nordest, al via il processo


VENEZIA - E’ sottoposto al regime di protezione Christian Sgnaolin, l’imprenditore di San Donà braccio destro del boss di Eraclea Luciano Donadio. Ieri la prima udienza del processo, nell’aula bunker di Mestre. 75 gli imputati coinvolti nell’inchiesta sulle presunte infiltrazioni mafiose in Veneto, 37 gli accusati per associazione a delinquere di stampo mafioso. Le dichiarazioni di Sgnaolin sono ritenute importanti per smantellare l’organizzazione criminale, perciò è stato portato in una località segreta e sicura per evitare che gli possa accadere qualcosa. Il 46enne non ha ancora lo status di collaboratore di giustizia, e al momento l’unico ad essere inserito nel programma di protezione è il napoletano Vincenzo Vaccaro, le cui dichiarazioni sono state fondamentali per arrivare a sgominare l’organizzazione criminale. L’imputato numero 76, il sindaco di Eraclea, accusato di voto di scambio, ieri non era presente e andrà a dibattimento con il rito abbreviato. Oltre a lui, altri 17 imputati hanno anticipato l’intenzione di chiedere il giudizio abbreviato con la garanzia dello sconto di un terzo della pena in caso di condanna.