Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incidente di Varco Manzoni

IDENTIFICATO L'UOMO CHE HA INVESTITO L'ANZIANA

Il responsabile è stato individuato grazie alle telecamere di videosorveglianza


TREVISO - È stato identificato il responsabile dell'incidente che, mercoledì 8 gennaio, ha visto coinvolta un'anziana signora 80enne nei pressi dell’attraversamento pedonale di Varco Manzoni. Gli addetti della centrale operativa della Polizia Locale di Treviso hanno analizzato minuziosamente tutte le immagini della videosorveglianza, registrate mercoledì pomeriggio verso le 15 dalle telecamere non solo della zona dove è avvenuto il sinistro ma anche delle strade limitrofe. Dopo ore di indagini approfondite su tutti i veicoli transitati poco prima e dopo l'incidente, gli agenti sono riusciti ad individuare il veicolo coinvolto. I dubbi sono stati fugati quando gli operatori del Comando hanno controllato dal vivo la macchina incriminata che aveva ancora i segni dell'investimento. «Il responsabile è un residente di Silea di 69 anni, a bordo di un'auto a noleggio con caratteristiche leggermente diverse di quelle che erano state descritte inizialmente dall'anziana investita», spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Il conducente non ha confermato le proprie responsabilità ma gli indizi e le prove raccolte non lasciano dubbi».
Per il 69enne scatterà la denuncia alla Procura della Repubblica e la segnalazione alla Prefettura: l’automobilista rischia fino a 3 anni di carcere e la sospensione della patente da uno a tre anni. «Ricordiamo che la legge punisce severamente chi non si ferma a prestare soccorso in caso di incidente stradale», afferma Gallo. «È un dovere non solo morale ma previsto dal Codice della Strada che, in casi più gravi, comporta anche l'arresto della persona che si dà alla fuga». Ancora una volta determinanti sono state le telecamere di videosorveglianza e l'acume investigativo degli agenti che nel giro di 48 ore hanno individuato il pirata della strada. «Ringrazio il Comandante Gallo e tutti gli operatori del Comando della Polizia Locale per il lavoro svolto», le parole del sindaco Mario Conte. «Nel caso specifico, le indagini sono state fondamentali così come la presenza delle telecamere di videosorveglianza, che rappresentano una risorsa importante per la prevenzione, la sicurezza e anche per l’accertamento delle responsabilità, permettendo di dare un nome e un cognome all’autore dell’investimento della signora».