Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In cammino lungo il fiume

LA PASSEGGIATA PER SALVARE LE GRAVE DI CIANO

Centinaia di persone in marcia ieri a Crocetta del Montello per dire no al bacino sul Piave


CROCETTA DEL MONTELLO -  Trecento persone hanno sfilato nella cittadina di Crocetta del Montello ieri mattina, passando per gli argini del Piave e per le campagne circostanti. Un "no" che accomuna tutti contro le casse di espansione che la Regione ha intenzione di costruire nell’area naturalistica.
Un "no" da parte di ambientalisti, alpinisti e soprattutto cittadini che non approvano questo progetto. A partire dalla sindaca Marianella Tormena, che nonostante sia alla guida di una giunta leghista, non approva il progetto delle casse di espansione sostenuto dal governatore Zaia.
L’attenzione va alla sicurezza idraulica del Montello, territorio carsico e particolare, in cui parte dell’acqua bloccata dalle casse d’espansione che si vogliono costruire, finirebbe sottoterra per riemergere altrove facendo danni irreparabili. Sono altri i progetti che renderebbero il Piave più sicuro secondo gli abitanti, in centinaia ieri tra Crocetta e Ciano del Montello, a manifestare il proprio dissenso. 
Mercoledì 19 febbraio ci sarà l’incontro in Prefettura a Treviso con tutti gli enti interessati alla sicurezza delle piene del Piave.
In quell’occasione saranno presentate le proposte alternative realizzate con un team di tecnici competenti. A sfilare assieme ai cittadini ieri, anche due esponenti Pd: Laura Puppato e e il consigliere regionale Andrea Zanoni, a dimostrare il loro interesse per questa questione ambientale.