Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/302: FRATELLO E SORELLA IN GARA NELLO STESSO TORNEO

All'Isps Handa Open in Australia in contemporanea field maschile e femminile


AUSTRALIA - Siamo al terzo torneo stagionale del Ladies PGA Tour: l'Isps Handa Vic Open realizzato in collaborazione con Australian Ladies Professional Golf, in programma sui due percorsi del 13th Beach Golf Links (Beach Course, e Creek Course), in Australia. a Geelong nello Stato del Victoria. In...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/301: SAUDI INTERNATIONAL NEL SEGNO DI G-MAC

Graeme McDowell conquista la tappa in Arabia Saudita dell'European Tour


EDDA - Siamo in Arabia Saudita, al Royal Greens King Abdullah Economic City, vicino a Gedda, polemizzata sede della Supercoppa Juve - Milan del 16 gennaio scorso. Alcuni grandi Campioni hanno rinunciato a giocare, nonostante che oltre ai premi in palio, avrebbero ricevuto rilevanti premi di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/300: PRIMA VITTORIA DA PRO PER L'EX CALCIATORE LUCA HERBET

L'australiano si impone a sorpresa nel Dubai Desert Classic


DUBAI - Concluso il Championship di Abu Dhabi, l’European Tour è rimasto ancora negli Emirati Arabi Uniti, per la disputa dell’Omega Dubai Desert Classic. Si gioca sul percorso dell’Emirates GC, a Dubai, con sei italiani in campo: Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Renato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scoperta a Perugia una vasta organizzazione che riciclava illegalmente

TRUFFA NAZIONALE DI PANNELLI SOLARI, UN TREVIGIANO IN MANETTE

Sequestrate 3000 tonnellate di materiale elettronico


La maxi truffa dei pannelli fotovoltaici: impianti dismessi rivenduti in Africa
„TREVISO TRE

TREVISO - Sette arrestati, tra cui un trevigiano, e 91 indagati nella vasta operazione della Direzione distrettuale antimafia di Perugia in merito ad una maxi truffa di pannelli solari venduti all'estero. L'ipotesi di reato è l'associazione a delinquere. Sequestrate dai Carabinieri 3000 tonnellate di materiale elettrico ed elettronico. La truffa consisteva nel ritirare partite di pannelli fotovoltaici dismessi ma ancora funzionanti da numerosi parchi solari in tutta Italia, ma anziché demolirli con il recupero dei materiali, come prevede la normativa, li riciclavano commercializzandoli (con dati identificativi appositamente alterati) all’estero, in particolare in Africa. Un meccanismo finito al centro di un’indagine dei carabinieri del Noe di Perugia. Dalla Marca, i pannelli sarebbero stati spediti via mare e venduti per la realizzazione di altri campi fotovoltaici oppure smaltiti in discariche. Due degli arrestati sono ai domiciliari, 12 le aziende del settore recupero rifiuti sottoposte a sequestro per disposizione del gip del capoluogo umbro.  L’indagine, è partita da un controllo in un’azienda di Gualdo Tadino, ha permesso di disarticolare quello che gli investigatori ritengono un sistema “assai complesso” dedito alla gestione illecita di “ingenti quantitativi” di rifiuti.