Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
SETTIMANA CON TANTI PROTAGONISTI ITALIANI, IN EUROPA E IN AMERICA

o Scottish Open, il Marathon LPGA Classic, il Challenge Tour, il Symetra Tour


Francesco Molinari, e altri sette azzurri sono a North Berwick, per il secondo torneo 2021 della Serie Rolex, l’Aberdeen Scottish Open.A far compagnia a Francesco ci sono Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Francesco Laporta, Renato Paratore, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli e Andrea Pavan. Questi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Occupazione abusiva di oltre 25mila metri quadrati

BANDO TRUCCATO, SEQUESTRATA SPIAGGIA SUL LITORALE DI BIBIONE

Indagati due funzionari comunali per abuso d'ufficio e sequesto dell'area


VENEZIA - La Guardia di Finanza di Venezia sta eseguendo il provvedimento con cui il G.I.P. del Tribunale di Pordenone ha disposto il sequestro preventivo di un tratto di arenile di oltre 25.800 metri quadri sito sul litorale di Bibione per il reato di occupazione abusiva di area demaniale marittima utilizzata per finalità turistico-ricreative.
Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Venezia sotto la direzione del Procuratore della Repubblica di Pordenone, hanno riguardato la verifica della regolarità della procedura di gara bandita nel mese di giugno 2016 dal Comune di San Michele al Tagliamento per la nuova aggiudicazione della concessione demaniale marittima per l’utilizzo della spiaggia, già rilasciata nel 2011 a una società con sede nella provincia di Venezia con scadenza a dicembre 2016.
Dai primi accertamenti sono state rilevate irregolarità nel bando di gara in quanto prevedeva l’obbligo per il vincitore di versare al concessionario uscente, entro 30 giorni dalla comunicazione di aggiudicazione, un indennizzo di 11 milioni di euro, corrispondente al valore dell’impresa titolare della concessione, stabilito sulla base di una perizia prodotta della società uscente.
Tale clausola, peraltro apposta senza che il Comune avesse verificato la congruità del valore di stima, era frutto di un accordo collusivo tra il rappresentante della società uscente, interessato a mantenere la titolarità della concessione, e il funzionario comunale preposto, ed era finalizzato a scoraggiare la partecipazione di eventuali concorrenti alla gara.
A seguito dell’annullamento del bando di gara da parte del T.A.R. di Venezia per effetto del ricorso di un concorrente, il Comune di San Michele al Tagliamento adeguava formalmente il bando di gara a quanto stabilito dal giudice amministrativo, reintroducendo però in altra forma la medesima clausola, e nel contempo consentiva al concessionario di continuare a gestire la spiaggia fino all’estate del 2019 con più provvedimenti di proroga provvisoria a firma di altro funzionario comunale.
Poiché anche il secondo bando di gara era stato impugnato dal concorrente, il funzionario responsabile del Comune di San Michele al Tagliamento aveva rilasciato, in accordo con il concessionario uscente, un provvedimentoper estendere automaticamente la durata della concessione fino al 2033, sfruttando in maniera indebita le disposizioni contenute nella Legge di bilancio 2019 che consente l’automatica proroga di 15 anni delle concessioni vigenti al 31 dicembre 2009. In realtà, l’imprenditore era in possesso solo di una concessione temporanea e la procedura di rilascio della concessione del 2011, scaduta a dicembre 2016, è risultata non pubblicata e, pertanto, non avrebbe potuto ottenere l’estensione di ulteriori 15 anni.
Al termine delle indagini sono stati denunciati due funzionari pubblici del Comune di San Michele al Tagliamento per abuso d’ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente ed il concessionario per occupazione abusiva di area demaniale marittima, in quanto gestita in assenza di un provvedimento valido ed efficace.
Sulla base degli accertamenti svolti, il G.I.P. del Tribunale di Pordenone, accogliendo la richiesta del Procuratore della Repubblica ha disposto il sequestro preventivo dell’area.