Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

50enne a processo per truffa

TRUFFAVA GLI ANZIANI VENDENDO LORO CICALINI SALVAVITA

Anziani vittime di una truffa con falsi cicalini da 3 mila euro ciascuno


VICENZA - La procura di Vicenza ha chiuso le indagini su un napoletano di 50 anni che rischia di finire a processo per rispondere di almeno quattro truffe che avrebbe commesso in città e provincia nei primi mesi del 2018.
L'uomo avrebbe fatto contattare dei pensionati con difficoltà di movimento, proponendo loro l’acquisto di un dispositivo salvavita che sarebbe stato obbligatorio per legge. Raccontava loro che chi non avesse comprato il dispositivo, avrebbe perso la pensione di invalidità. Poi il 50enne si sarebbe presentato in casa delle vittime incassando 3 mila euro per ogni cicalino.
In realtà si trattava di un comune apparecchio che costa 50 euro in negozio e che non era collegato a nessun ente di soccorso.