Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

50enne a processo per truffa

TRUFFAVA GLI ANZIANI VENDENDO LORO CICALINI SALVAVITA

Anziani vittime di una truffa con falsi cicalini da 3 mila euro ciascuno


VICENZA - La procura di Vicenza ha chiuso le indagini su un napoletano di 50 anni che rischia di finire a processo per rispondere di almeno quattro truffe che avrebbe commesso in città e provincia nei primi mesi del 2018.
L'uomo avrebbe fatto contattare dei pensionati con difficoltà di movimento, proponendo loro l’acquisto di un dispositivo salvavita che sarebbe stato obbligatorio per legge. Raccontava loro che chi non avesse comprato il dispositivo, avrebbe perso la pensione di invalidità. Poi il 50enne si sarebbe presentato in casa delle vittime incassando 3 mila euro per ogni cicalino.
In realtà si trattava di un comune apparecchio che costa 50 euro in negozio e che non era collegato a nessun ente di soccorso.