Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

50enne a processo per truffa

TRUFFAVA GLI ANZIANI VENDENDO LORO CICALINI SALVAVITA

Anziani vittime di una truffa con falsi cicalini da 3 mila euro ciascuno


VICENZA - La procura di Vicenza ha chiuso le indagini su un napoletano di 50 anni che rischia di finire a processo per rispondere di almeno quattro truffe che avrebbe commesso in città e provincia nei primi mesi del 2018.
L'uomo avrebbe fatto contattare dei pensionati con difficoltà di movimento, proponendo loro l’acquisto di un dispositivo salvavita che sarebbe stato obbligatorio per legge. Raccontava loro che chi non avesse comprato il dispositivo, avrebbe perso la pensione di invalidità. Poi il 50enne si sarebbe presentato in casa delle vittime incassando 3 mila euro per ogni cicalino.
In realtà si trattava di un comune apparecchio che costa 50 euro in negozio e che non era collegato a nessun ente di soccorso.