Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/342: BEZUIDENHOUT RIMONTE NEL FINALE E VINCE IL DUNHILL CHAMPIONSHIP

Niente da fare per gli italiani Gagli e Pavan


SUN CITY (SUDAFRCIA) - È ancora in Sudafrica l’European Tour, per il secondo dei tre tornei consecutivi, dove si disputa l’Alfred Dunhill Championship. La scorsa settimana è stato anticipato dallo Joburg Open a cui partecipavano gli azzurri Scalise e Pavan, la vittoria...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appuntamento a Treviso dal 7 al 15 marzo

LE CARTE DA GIOCO IN MOSTRA A PALAZZO DEI TRECENTO

Capolavori e curiosità dal mondo delle carte da gioco e dei tarocchi


TREVISO - Un’esposizione che ospiterà preziosi mazzi di carte ideati da grandi artisti italiani fra i quali Renato Guttuso e Lele Luzzati. Una mostra che offre la possibilità di riscoprire la storia e l’aspetto della comunicazione sociale dalla seconda metà del 1800 ai giorni nostri, verificando le influenze degli eventi sull’iconografia delle carte da gioco e dei tarocchi.
Si terrà dal 7 al 15 marzo 2020, al Salone di Palazzo dei Trecento, la mostra intitolata “Carte in mano”, appuntamento imperdibile per collezionisti e studiosi delle carte da gioco e dei tarocchi.
In tale occasione, ci sarà la possibilità di scoprire come le carte da gioco d’autore siano anche state usate per veicolare i più disparati messaggi, dalla propaganda politica alla pubblicità. Per esempio, si potrà vedere il primo mazzo stampato in Italia per promuovere un prodotto, il Panforte Parenti.
Ad arricchire l'esposizione, una selezione di Carte Venete e Trevisane dal 1850 fino al 1978 anche della Teodomiro Dal Negro di Treviso, una delle pochissime fabbriche di carte italiane ancora in attività, gestita da oltre due secoli dagli eredi dei fondatori. Per loro gentile concessione verranno esposte anche alcune antiche pietre da stampa di oltre un secolo fa.
La mostra, ad ingresso gratuito, è organizzata dal comune di Treviso con la collaborazione dell’associazione 7Bello-Cartogiocofilia italiana e Franco Dal Negro e sarà realizzata con un sistema espositivo innovativo utilizzando delle cornici come se queste fossero dei quadri. In occasione della mostra è stato realizzato un Catalogo a colori, di oltre 200 pagine, con adeguate spiegazioni sui mazzi offerti in esposizione. Per alcuni mazzi, nel catalogo saranno raffigurate più carte di quelle presenti in cornice, perché le esigenze tipografiche sono diverse da quelle espositive.
L’orario di apertura della mostra sarà il seguente: dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 19 e sabato e domenica dalle 11 alle 19 con possibilità di organizzare visite per le scolaresche al mattino. 
«Treviso vanta una tradizione secolare nelle carte, conosciute in tutta Italia e non solo», le parole dell’assessore ai Beni Culturali e Turismo Lavinia Colonna Preti.
«”Carte in mano” sarà una bellissima occasione per scoprire curiosità e storia dei giochi che hanno contribuito e contribuiscono ancora a formare la nostra identità».
«Le carte che verranno esposte sono delle rarità che difficilmente escono dalle collezioni private, dove sono gelosamente custodite e visibili solo a proprietari e ad una ristretta cerchia di appassionati e studiosi», afferma Andrea Piovesan, curatore della Mostra “Carte in Mano” e socio di 7Bello Cartogiocofilia italiana.
«La nostra Associazione si è proposta di ampliare il numero dei fruitori fuori di questa cerchia proponendo le carte storiche e d’autore al “grande pubblico”. In Italia in molti iniziando ad interessarsi alle varie tematiche veicolate dalle carte da gioco come storia, arte e sociologia».
Così, infine, Gustavo Orlando Zon, vice presidente Associazione 7Bello Cartogiocofilia italiana.
«Nelle tre sezioni della mostra si potranno trovare carte e tarocchi d’artista, con infinite varianti possibili, che sono delle piccole opere d’arte, perché gli artisti sono persone speciali, sempre capaci di cogliere l’essenza delle cose e di evocare sensazioni: tenere l’arte fra le mani è privilegio di pochi».