Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, la confessione shock della ragazza

VIOLENTATA DAL PADRE QUANDO AVEVA 4 ANNI

La vittima, oggi ventenne, ha denunciato il genitore


MONTEBELLUNA - Si è tenuta dentro un segreto che l’ha tormentata per 15 anni: suo padre l’ha violentata quando aveva solo 4 anni. Adesso questa ragazza di anni ne ha 20, e finalmente ha trovato il coraggio di raccontare la sua storia, prima confidandola ad un’amica, e poi denunciando suo padre.
La confessione shock di questa ventenne Montebellunese ha mandato alla sbarra il genitore, che avrebbe abusato della figlia, quand’era bambina, toccandole e costringendola a farsi toccare i genitali. Dopo 15 anni ha trovato la forza e il coraggio di denunciare tali abusi. Tanto tempo per prendere la decisione giusta, ma difficile, perché quando una vittima subisce, ha paura di essere compatita, di non venir presa sul serio, di dover affrontare il dramma.
In questo caso il suo aguzzino era proprio suo padre. La ragazza ha raccontato di essere stata succube del padre e di essere stata costretta a tacere per tutto questo tempo. Suo padre, oggi settantenne, si è definito innocente.
Secondo la sua versione la ragazza ha raccontato una storia inventata a causa delle tensioni covate in famiglia: clima teso, alimenti non pagati completamente, litigi e dispetti. Un rapporto teso quello trai suoi genitori, che infatti ha portato al divorzio. La versione della figlia invece è completamente diversa: l’uomo avrebbe abusato di lei quando era piccola e l’avrebbe resa succube. Fatti che risalgono a quando la vittima aveva 4 anni, 15 anni fa.
In aula saranno chiamati a testimoniare entrambi i genitori, la ragazza, e alcune persone vicine alla famiglia che avrebbero potuto essere a conoscenza di queste violenze.