Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bilancio dell'operazione "Black swordfish" della Guardia Costiera

PESCA ILLEGALE, 14 TONNELLATE DI "SPADA" E ALTRE SPECIE SEQUESTRATE IN VENETO

Sanzioni per 58mila euro nei controlli ai rivenditori


VENEZIA - Pesce spada pescato nel Mediterraneo in tempi vietati e prodotto ittico di importazione per un totale di 14 tonnellate sequestrato dalla Guardia Costiera in Veneto, con sanzioni per 58mila euro.
Sono i numeri principali di una complessa operazione, condotta nei giorni scorsi in tutta la regione, per tutelare il patrimonio ittico e la sicurezza dei consumatori. Nell'attività di controllo sono stati impegnati, fin dal 28 gennaio, tutti i Comandi della Guardia Costiera del Veneto, sotto il coordinamento del 9° Centro Regionale di Controllo Area Pesca del Reparto Operativo della Direzione Marittima di Venezia. L’operazione “Black Sworfish” ha avuto come obiettivo principale verificare, in rivenditori all'ingrosso e al dettaglio, l'irregolare detenzione e commercializzazione di pesce spada illegalmente pescato Mar Mediterraneo nell’arco temporale dal 1 gennaio al 31 marzo, periodo in cui ne è vietata la pesca ai sensi della normativa comunitaria e nazionale. E' stata inoltre sottoposta a controllo l’intera filiera ittica, in particolare riguardo alla tracciabilità e alla rintracciabilità del prodotto ittico, al rispetto della taglia minima, alla tutela delle specie protette e alla salvaguardia della normativa igienico – sanitaria. Il tutto a garanzia del consumatore finale. L’operazione ha coinvolto 30 militari della Guardia Costiera, parte delle attività ha visto anche la collaborazione del 2° Gruppo della Guardia di Finanza di Venezia.
Il bilancio dell’operazione ammonta a complessive 27 ispezioni nel corso delle quali sono state comminate 42 sanzioni amministrative per un totale di circa 58mila euro, oltre a sette sequestri amministrativi per complessive 14 tonnellate di prodotto ittico non conforme.