Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"QUESTO NON ╚ AMORE": LA CAMPAGNA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Un ufficio mobile in cittÓ per rompere l'isolamento e il dolore delle vittime


TREVISO - Continua la campagna di sensibilizzazione "Questo non è amore" promossa dalla Polizia di Stato per prevenire e contrastare il fenomeno della violenza sulle donne e violenza di genere.
Questa mattina, in occasione della giornata di San Valentino, dalle ore 8.00 alle 14.00, personale della Questura ha presenziato con il "Camper-Ufficio Mobile" in piazza Aldo Moro per un incontro con la cittadinanza.
L’iniziativa vuole agevolare e favorire un contatto diretto con le potenziali vittime e offrire il supporto di una squadra composta da operatori specializzati della Questura di Treviso, di psicologi e rappresentanti di diverse associazioni operanti nel settore.
L’obiettivo è quello di dare informazioni e di raccogliere le testimonianze di chi, spesso, ha ancora esitazione a denunciare o a varcare la soglia di un ufficio di Polizia. Per sensibilizzare l'opinione pubblica su una maggiore consapevolezza, per combattere la violenza sulle donne, il personale della Questura, oltre ad essere tra la gente con il camper, sarà nelle scuole per incontrare gli studenti e parteciperà ai convegni per far emergere storie con risvolti non solo giuridici, ma anche culturali e sociali.
Oggi l’obiettivo della Polizia di Stato è stato quello di favorire i momenti d’incontro volti a rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere, offrendo il supporto di un’équipe di operatori specializzati della Divisione Anticrimine, della Squadra Volanti, della Squadra Mobile e di autorevoli rappresentanti del Telefono Rosa che hanno fornito informazioni sugli strumenti di tutela e di intervento in situazioni di violenza, anche distribuendo l’apposito opuscolo edito a cura della Direzione Centrale Anticrimine del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.
L’iniziativa ha riscosso il consueto successo, permettendo a numerosi cittadini, sia donne che uomini, di ricevere risposte e consigli da parte degli operatori di Polizia e dei qualificati rappresentanti delle due predette Associazioni locali.
Nell’ambito dell’attività finalizzata a contrastare la violenza di genere, i poliziotti delle Volanti, venerdì 7 Febbraio, hanno tratto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni un quarantenne cingalese.
Nel mese di Gennaio, i poliziotti, anche grazie all’iniziativa "Questo non è amore", erano venuti a conoscenza di una situazione di disagio all’interno della famiglia, dove l’uomo, spesso a causa dell’abuso di sostanze alcoliche, aveva tenuto condotte violente o minatorie nei confronti della moglie, anche davanti ai figli minorenni.
Proprio nell’ultimo episodio, accompagnata la donna in ospedale per tutti gli accertamenti di rito, i poliziotti sono riusciti a ricostruire la dinamica, venendo a conoscenza di una situazione vessatoria che, ormai, si protraeva da diverso tempo. L’uomo, tratto in arresto, è stato accompagnato al carcere di Santa Bona, su disposizione del Pubblico Ministero di turno e, nei suoi confronti, è stata applicata la misura del divieto di avvicinamento a meno di 100 metri dai luoghi frequentati dalla moglie e dai figli.