Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aziende invitate dai clienti di altre regioni a non inviare i propri tecnici

IL CORONAVIRUS FA FIOCCARE LE DISDETTE NEGLI ALBERGHI

Colpito soprattutto il turismo congressuale


TREVISO - Il Coronavirus fa fioccare le disdette negli alberghi della Marca. In alcuni hotel è stato cancellato fino all'80-90% delle prenotazioni. Al timore da parte dei singoli viaggiatori si somma anche il divieto di svolgere manifestazioni con afflusso di pubblico, in seguito alle ordinanze emesse dal ministero della Salute e dalle Regioni. A essere colpito, in quest'ottica, è in particolare il turismo congressuale, a causa dell'annullamento di convegni, incontri e meeting. Con ripercussioni su tutto l'indotto, come evidenzia il presidente della Camera di commercio di Treviso e Belluno, Mario Pozza. Oltre alle stanze rimaste vuote, infatti, il danno deve considerare le derrate alimentari già acquistate per l'occasione, i compensi dei relatori, il noleggio delle apparecchiature per la trasmissione audio-video, i traspori locali e varie altre attività collegate a questi appuntamenti. Federmanager stima in oltre un miliardo di euro le ripercussioni in questo specifico segmento a livello nazionale. Tanto che, ricorda Pozza, alcuni hotel, vista la penuria di ospiti, stanno pensando di chiudere, per risparmiare almeno sui costi fissi.
Ma la preoccupazione è elevata per tutti i settori dell'economia trevigiana e veneta, più in generale. Unioncamere Veneto sta compiendo una rilevazione per raccogliere valutazioni e previsioni da parte delle aziende. Intanto le imprese locali devono fare i conti anche con un effetto psicosi che si va diffondendo nel resto del paese: "Diverse aziende si sono sentite dire da clienti di altre regioni di non inviare i propri tecnici e addetti per paura del contagio", afferma il presidente dell'ente camerale trevigian-dolomitico.