Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aziende invitate dai clienti di altre regioni a non inviare i propri tecnici

IL CORONAVIRUS FA FIOCCARE LE DISDETTE NEGLI ALBERGHI

Colpito soprattutto il turismo congressuale


TREVISO - Il Coronavirus fa fioccare le disdette negli alberghi della Marca. In alcuni hotel è stato cancellato fino all'80-90% delle prenotazioni. Al timore da parte dei singoli viaggiatori si somma anche il divieto di svolgere manifestazioni con afflusso di pubblico, in seguito alle ordinanze emesse dal ministero della Salute e dalle Regioni. A essere colpito, in quest'ottica, è in particolare il turismo congressuale, a causa dell'annullamento di convegni, incontri e meeting. Con ripercussioni su tutto l'indotto, come evidenzia il presidente della Camera di commercio di Treviso e Belluno, Mario Pozza. Oltre alle stanze rimaste vuote, infatti, il danno deve considerare le derrate alimentari già acquistate per l'occasione, i compensi dei relatori, il noleggio delle apparecchiature per la trasmissione audio-video, i traspori locali e varie altre attività collegate a questi appuntamenti. Federmanager stima in oltre un miliardo di euro le ripercussioni in questo specifico segmento a livello nazionale. Tanto che, ricorda Pozza, alcuni hotel, vista la penuria di ospiti, stanno pensando di chiudere, per risparmiare almeno sui costi fissi.
Ma la preoccupazione è elevata per tutti i settori dell'economia trevigiana e veneta, più in generale. Unioncamere Veneto sta compiendo una rilevazione per raccogliere valutazioni e previsioni da parte delle aziende. Intanto le imprese locali devono fare i conti anche con un effetto psicosi che si va diffondendo nel resto del paese: "Diverse aziende si sono sentite dire da clienti di altre regioni di non inviare i propri tecnici e addetti per paura del contagio", afferma il presidente dell'ente camerale trevigian-dolomitico.