Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/304: IN MESSICO SI INAUGURA IL WGC 2020

All'ultimo giro Parick Reed mette in riga DeChambeau e McIlroy


NAUPALCAN (MEX) - È da questa partita, che prende il via la serie delle quattro gare World Golf Championships (WGC), il mini circuito che per importanza viene subito dopo i Major. Nato nel 1999, il WGC ha piantato bandiera in varie nazioni, trovando alfine sede a Dorai in Florida. Il Campionato WGC che si tiene in Messico, si gioca a Naupalcan, alle porte di Città del Messico. Il campo di gioco, che ha ospitato più volte l’Open messicano, è al Club de Golf Chapultepec, un Par 71 di 6.726 mt.
Tra i personaggi più in vista dei 72 concorrenti, troviamo: Dustin Johnson, già vincitore dell’US Open, con numerosi tornei conquistati, a lungo numero uno; Jon Rahm in lotta per il vertice del World ranking con Rory McIlroy, attuale leader teso a prendere ancor più vantaggio sugli inseguitori approfittando dell’assenza di Brooks Koepka; (il nordirlandese, che mira all’Augusta National, ha la possibilità di raggiungere il mito Nick Faldo, al terzo posto con 97 settimane, tra coloro che sono rimasti più a lungo al vertice del ranking); è alle spalle di Greg Norman (331) e di Tiger Woods (683), che di titoli WGC ne ha collezionati 18. C’è Adam Scott su di morale, vincitore domenica scorsa del Genesis Invitational, e poi c’è Francesco Molinari, desideroso di dare una svolta alla sorte ria che lo ha accolto questo inizio di stagione, visto che in passato qui ha avuto soddisfazione. Ha una nuova chance, è ben deciso a cambiare passo dopo i tre tagli di fila subiti. Potrà anche giocare con una maggiore serenità, non essendoci taglio e quindi nessuna pressione più forte sulle prime 36 buche.
Non c’è Tiger Woods, che questo titolo l’ha conquistato sette volte, sarà una notevole assenza per il mondo del Golf messicano. Si dice che non è riuscito a registrarsi prima della scadenza, alle 17 di venerdì 14. Si notano anche altre assenze eccellenti, nel presumibile intento di entrare lentamente in forma, per arrivare nelle condizioni migliori al Masters, il primo dei quattro major, ad aprile.
A difendere il titolo è Dustin Johnson, leader mondiale. È difficile fare previsioni su chi trionferà: sembra che Scott e McIlroy siano un gradino più avanti degli altri, ma anche Matt Kuchar, secondo nel Genesis, merita fiducia. Ad arricchire il field ci sono i soliti grandi DeChambeau, Fleetwood, Garcia, Lowry, Matsuyama, Reed, e anche un Jordan Spieth tornato ai suoi livelli.
Il montepremi è di 10.500.000 dollari, tra i più alti in assoluto.
Ha un avvio felice Rory McIlroy. Il numero uno mondiale è stato protagonista nel primo turno: si è espresso con un eagle, cinque birdie e un bogey, ha preso due colpi di margine su Justin Thomas e su Bubba Watson, è leader con 65 (-6). Alti e bassi per Francesco Molinari, con 72 (+1) che chiude al 29° posto. È partito dalla buca 10 e ha segnato subito un birdie e un bogey, poi alla 15 ha realizzato il secondo birdie per scendere sotto par, ma due bogey a chiudere lo hanno mandato sopra di un colpo. Ha lo stesso score di Jon Rahm, lo spagnolo che con un successo potrebbe far scendere McIlroy dal trono. Molto difficile la giornata per Dustin Johnson, campione in carica, 62°.
Un gran giro, con un parziale di (-8), porta al vertice della seconda giornata Bryson De Chambeau. Partito dalla 10, il californiano conquista la vetta soprattutto per la prodezza di sei birdie in sette buche di fila, si porta a -11. Dietro a lui il sudafricano Erik Van Rooyen, che festeggia il 30° compleanno eguagliando il record del campo con un 62 (-9), frutto di nove birdie senza errori, migliore score del giro. Accanto a Van Rooyen si pone lo statunitense Patrick Reed con (-8), entrambi secondi con 132 (-10). Scende un po’ Rory McIlroy col (-2) di questo secondo giro; arretra dal primo al sesto posto a -8, tuttavia conserva la sua posizione nella graduatoria mondiale. Lo spagnolo Jon Rahm, infatti, non marcia a grandi ritmi, non riesce a imporsi, è 22esimo a -1. A metà classifica l’australiano Adam Scott, 28°, vincitore domenica scorsa del Genesis Invitational. Deludente anche Dustin Johnson, campione in carica, 60esimo.
Non va bene per Francesco Molinari che arretra dalla 29ª alla 54ª piazza (+4), stessa posizione di Sergio Garcia. Ha mantenuto il par per sette buche (un bogey, un birdie) poi ha gradatamente perso terreno con quattro bogey, a fronte di un solo birdie Si sperava che l’assenza dell’incubo del taglio lo aiutasse, forse un po’ d’aiuto c’è stato, ma troppo poco.
Cambio di guardia al vertice alla conclusione del terzo round: Justin Thomas, vincitore del PGA Championship nel 2017, prende il sopravvento. Supera di un punto Erik Van Rooyen, si porta a -15. Francesco Molinari ha girato in par con tre birdie e tre bogey.
Il vero protagonista della giornata è Jon Rahm: artefice di grande rimonta, con splendida “Hole in one” e record del giro in 61 colpi, dieci sotto par. Spettacolare il colpo dal par tre della 17. La palla parte dal tee, colpisce il green, fa un balzo, e vola di netto in buca senza rotolo. Scroscio di applausi. Rahm sale al quarto posto, affiancato da Rory McIlroy e Bryson DeChambeau, ieri leader.
Ed eccoci alla resa dei conti. Ho seguito nel finale Francesco Molinari, buca per buca, che parte dalla 10 con il Par. Ha un andamento altalenante, non ritrova ancora la sua classe. Guadagna qualche punto, chiude il giro a (-1), ed è 53esimo, con +2 nel globale. Jon Rahm, risvegliatosi da un sonno al terzo giro, che lo aveva condotto al vertice, continua per un tratto il suo bel gioco, senza bogey le prime nove. Ne coltiva due sulle seconde., che lo portano al terzo posto a -15. Secondo è De Chambeau a -17, a trionfare è il 29enne di San Antonio, Patrick Reed con – 18, che ha da farsi perdonare la recente scorrettezza all’Hero World Challenge, dove ha ottimizzato il lie della palla su un bunker, accollandosi due colpi di penalità. Vince il WGC-Mexico Championship, fa ritorno a casa con il portafoglio gonfio di un milione e mezzo di dollari.
Paolo Pillla