Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella Valbelluna i primi tentativi di raggiro

TRUFFATRICI DA CORONAVIRUS A MEL

Si sono presentate in alcune abitazioni dicendo di dover fare fare il tampone


BELLUNO - Si sono spacciate addette sanitarie a Mel in provincia di Belluno, proponendo tamponi per il coronavirus.
Un altro caso di truffa in un momento di debolezza e confusione, orchestrata da due donne che giravano di casa in casa spiegando di essere state autorizzate ad eseguire dei tamponi ai cittadini per verificare se avessero contratto il virus. Nessuno a Mel è caduto nel tranello, e anzi, dopo averle congedate, vari cittadini hanno chiamato i carabinieri. Una delle due donne indossava un giubbotto rosso, ma non è stato fatto un identikit preciso delle due, e non si conosce l’auto con cui si sono mosse. Quando sono arrivate le forze dell’ordine, le due truffatrici erano già scappate.