Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella Valbelluna i primi tentativi di raggiro

TRUFFATRICI DA CORONAVIRUS A MEL

Si sono presentate in alcune abitazioni dicendo di dover fare fare il tampone


BELLUNO - Si sono spacciate addette sanitarie a Mel in provincia di Belluno, proponendo tamponi per il coronavirus.
Un altro caso di truffa in un momento di debolezza e confusione, orchestrata da due donne che giravano di casa in casa spiegando di essere state autorizzate ad eseguire dei tamponi ai cittadini per verificare se avessero contratto il virus. Nessuno a Mel è caduto nel tranello, e anzi, dopo averle congedate, vari cittadini hanno chiamato i carabinieri. Una delle due donne indossava un giubbotto rosso, ma non è stato fatto un identikit preciso delle due, e non si conosce l’auto con cui si sono mosse. Quando sono arrivate le forze dell’ordine, le due truffatrici erano già scappate.