Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nei social l'hashtag #lacampagnanonsiferma

COLDIRETTI VENETO: NEI CAMPI SERVONO 65 MILA STAGIONALI

Coronavirus, emergenza sull'occupazione agricola


TREVISO - Coldiretti Veneto è intervenuta in commissione lavoro e parti sociali convocato dall’assessore di riferimento Elena Donazzan per porre all’attenzione l’impatto negativo sull’occupazione causato dall’emergenza del Coronavirus.
“Le aziende agricole sono già pronte alla fase di raccolta stagionale per la quale viene impiegata soprattutto manodopera straniera” – commenta Coldiretti Veneto allarmata per il richiamo in patria di molti lavoratori obbligati al rientro nei Paesi di origine. La forza lavoro richiesta, sulla base dei dati 2019 di Veneto Lavoro, è di circa 65mila stagionali di cui rumeni 14mila, 7mila nordafricani, 4mila indiani, 2mila polacchi. “Si tratta di unità lavorative necessarie per i campi di ortaggi e frutta e per la cura degli animali in particolar modo” - precisa Coldiretti Veneto - Da sottolineare che il blocco delle attività non crea i presupposti per garantire lavoro agli operai agricoli. Il crollo delle prenotazioni negli agriturismi con soggiorni, vacanze e occasioni di convivialità annullate non garantiscono alcuna prospettiva positiva per l’immediata ripresa delle attività”.
Per superare l’impasse le parti sociali con la Regione del Veneto hanno predisposto un documento da sottoporre al Governo con il quale si chiede la presa d’atto delle problematiche inerenti anche il comparto agricolo oltre che all’intero sistema economico.
Intanto nei social imprenditori e consumatori hanno avviato video e post per sostenere il Made in Italy invitando tutti a condividere il messaggio #lacampagnanonsiferma.