Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Coronavirus, passeggeri diminuiti del 60%

AEROPORTO DI TREVISO VERSO LA CHIUSURA

Voli cancellati per mancanza di passeggeri


TREVISO - Il calo dei passeggeri all’aeroporto Canova porta a valutare l’ipotesi della chiusura. Non solo sono diminuiti drasticamente gli arrivi, ma sono anche molti i passeggeri che non partono più a causa del coronavirus. L’ipotesi della chiusura valutata in questi giorni da Save – Aertre è sempre più discussa e probabile, almeno per un periodo.
Il Canova potrebbe fermarsi temporaneamente, dirottando i voli e il personale su Venezia fino alla fine dell’emergenza. Sarebbe rischioso per le casse dell’azienda tenere aperto l’aeroporto a fronte di un netto calo di passeggeri in transito, che ormai ha raggiunto il 60%.
A maggior ragione dopo che Ryanair ha annunciato il taglio del 25% delle partenze dagli scali italiani in cui opera a partire da metà aprile. A ieri sul tema della chiusura dell’aeroporto Canova, i vertici di Save – Aertre hanno preferito un no-comment. Ieri il mancato decollo del volo per Mosca, ha dato un primo esempio di come i voli verranno cancellati per mancanza di passeggeri.
L’aereo delle compagnie Pobeda Airlines – Fly Ernest sarebbe dovuto partire alle 15.40, ma è stato bloccato per il mancato raggiungimento della soglia minima di riempimento, e quindi si è preferito annullare il volo e rimborsare il biglietto, piuttosto che far decollare l’aereo semivuoto.
Marco Pinzi, direttore di Aertre, sostiene che la preoccupazione è inevitabile, tuttavia si andrà avanti giorno per giorno, e poi si valuterà la strategia da adottare.