Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/305: SOPRESA ALL'OMAN OPEN, VINCE SAMI VALIMAKI

Il 21enne finlandese la spunta ai playoff


OMAN - Visto che nel PGA TOUR americano non partecipano atleti azzurri, andiamo a trovare i sette italiani che ripartono con l’European Tour dal sultanato dell’Oman per la disputa dell’Open, torneo che si gioca all'Al Mouj Golf a Muscat, nella penisola arabica. Il percorso Al Mouj è un link disegnato dal leggendario Greg Norman, che ha voluto seguire le linee naturali della costa incontaminata, chilometri di sabbia bianchissima. Un par 72 di 6.700 metri, un tappeto lussureggiante di un bel verde, che corre lungo un buon tratto di spiaggia. Oltre alla costante presenza del vivace Oceano Indiano con i forti venti da nord est, c’è lo spettacolo dei monti Hajjar. Bello! L’Oman Open è uno dei sei eventi del tour europeo che hanno luogo nella penisola arabica.
Su un totale di 196 giocatori, sono ben sette gli azzurri in gara: Nino Bertasio, Francesco Laporta, Lorenzo Gagli, Guido Migliozzi, Edoardo Molinari, Renato Paratore, Andrea Pavan. Tra di essi il più atteso è Paratore, che copre un secondo posto in stagione. Degli altri, Bertasio e Laporta fano ben sperare; da Migliozzi e da Pavan ci si aspetta un cambio di passo, visto che finora sono sempre usciti al taglio nelle loro apparizioni. Nella compagine straniera che comprende l’emergente 19enne danese Rasmus Hojgaard (suo il Mauritius Open), il sudafricano Brandon Stone, l’australiano Min Woo Lee fratello di Minjee Lee, numero otto mondiale, a ricevere maggiori attenzioni è il tedesco Martin Kaymer, anche se non ha più il passo dei suoi tempi migliori. Il montepremi è di 1.750.000 dollari,
C’è un bell’avvio per l’Italia: l’azzurro Migliozzi è il protagonista nella prima giornata dell’Oman Open: è leader con (-6), ha un colpo di vantaggio sul sudafricano Brandon Stone, sul danese Rasmus Højgaard e sul cinese Taehee Lee. In buona posizione sono anche Gagli, 13° con “-3”, e Molinari, 25° con “-2”, entrambi con ancora una buca da giocare. Solo loro due, tra gli azzurri; gli altri hanno completato il giro, che viene sospeso per sopravvenuta oscurità, con cinque giocatori in campo. I due azzurri sono stati vittime di perditempo e di timori. Erano stati esclusi dal torneo per l’influenza che una settimana fa aveva colpito Gagli. Al toscano è stato praticato il tampone per il Coronavirus, che fortunatamente ha dato esito negativo. Anche Molinari, pur non avendo avuto l’influenza, era stato trattenuto in quarantena, per precauzione, perché divideva la stanza con Gagli. Il loro fermo è durato qualche ora, fino all’esecuzione del test. È poi arrivato il benestare dal ministero della Salute dell’Oman, ed è stato loro permesso di entrare liberamente in Campo.
Una nota di Keith Pelley, amministratore delegato dell'European Tour, ha sottolineato che è loro dovere seguire tutte le indicazioni in merito alle misure preventive fornite dagli esperti di salute e dalle autorità locali, per salvaguardare l’interesse dei giocatori, del personale, e degli spettatori.
Gli altri italiani: Renato Paratore e Andrea Pavan sono appena un po’ più indietro, a metà classifica; Nino Bertasio 53° in par, e Francesco Laporta 72° con 73 (+1). Dopo un inizio non felice, Guido Migliozzi, il 23enne veneto vincitore nel 2019 di due tornei (Kenya Open e Belgian Knockout), sta esprimendo la sua potenzialità con prestazioni sopra le righe, sottolineate da sei birdie senza bogey, nonostante le difficoltà espresse dal percorso: I green sono particolari, molto duri, e poi c‘è vento forte, che spiazza.
Nella seconda giornata Guido Migliozzi perde la leadership, ma rimane nelle prime posizioni quinto, affiancato da due inglesi, dal sudafricano Brandon Stone, e dall’olandese Joost Luiten. Al vertice, con 135, sale una coppia: lo scozzese Stephen Gallacher, e il danese Rasmus Hojgaard. Lorenzo Gagli, risalito di tre posizioni, è nella top ten. Hanno superato il taglio anche Molinari con lo stesso score del tedesco Martin Kaymer, oltre a Pavan e Paratore. Hanno subìto il taglio Francesco Laporta, e Nino Bertasio. Il 45enne Gallacher ha girato in 67 (-5) per cinque birdie, e il giovanissimo Rasmus Højgaard ha tenuto il passo con un 68 (-4), per un eagle, cinque birdie, e tre bogey. Migliozzi trova qualche difficoltà in partenza, perde due colpi sulle prime undici buche, che recupera però nel finale, per il 72 del par. Gagli parte dalla 10, guadagna due colpi sulle prime quattro buche, che poi mantiene sul resto del tracciato. Molinari chiude in Par, e anche Pavan, che per la prima volta in stagione supera il taglio. Paratore, è un colpo sopra Par.
Risultano in sei al vertice nella conclusione del terzo giro: tra loro il sudafricano Brandon Stone, e il 19enne danese a caccia del secondo successo stagionale. Guido Migliozzi è settimo con (-10), a un solo colpo di distacco dai sei che sono al comando con 205; si presume che sarà in corsa per il titolo. Ha qualche possibilità anche il tedesco Martin Kaymer, autore nel secondo turno di una “hole in one” (148 metri dal tee direttamente in buca), che da 29° passa 12°; e una chance c’è per l’inglese Jordan Smith. Perde terreno Lorenzo Gagli, (-4), 27°, retrocede di 17 posizioni. Un po’ più indietro Andrea Pavan, ed Edoardo Molinari.
Era partito forte Migliozzi: con quattro birdie in cinque buche, ma poi ha rallentato, mantenendo i quattro colpi sotto par. Pavan ha realizzato un 70 con tre birdie e un bogey, Molinari il 72 del par. Paratore, cui era previsto il successo, è stato il meno fortunato (+2) con due birdie, due bogey e anche un doppio bogey.
Nel finale una sorpresa: ottiene il titolo sul circuito il 21enne finlandese Sami Valimaki, di Nokia, proprio nel suo esordio in European Tour. Dopo aver chiuso il torneo con 275 (uno score di giornata pari a -2 (-13) complessivo, alla pari con il sudafricano Brandon Stone, lo ha poi superato con un par alla terza buca di playoff. È terzo il francese Adrien Saddier (-12), accomodatosi in club house prima di loro. Guido Migliozzi, autore di un’ottima prestazione, è quarto con (-11), affiancato dall’altro finlandese Mikko Korhonen. È stato subitaneo, l’attacco di Migliozzi. Scendendo di due colpi sulle prime quattro buche, si porta nel gruppo dei primi. Sconta poi due bogey nella fase centrale, il birdie alla 16 per il 71 (-1) non è sufficiente per fargli agganciare la vetta. Lorenzo Gagli risale di diciassette posizioni con un 68 (-4), frutto anche di un eagle, è decimo con (-8). Termina in 50ª posizione Dodo Molinari (-2), crolla in 73ª Andrea Pavan (+6). Comunque sia, gli azzurri han fatto onore all’Italia.
Paolo Pilla