Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Uffici chiusi, 10 colleghi in isolamento preventivo

IMPIEGATA DEL GIUDICE DI PACE DI TREVISO POSITIVA AL VIRUS

La donna in Rianimazione al Ca' Foncello


TREVISO - L’emergenza coronavirus colpisce anche il Tribunale di Treviso. Una dipendente dell’ufficio dei Giudici di pace, ospitato in una delle torri della Cittadella Appiani, è risultata positiva al test ed è attualmente ricoverata in terapia intensiva. Dieci colleghi sono stati sottoposti al tampone e, in attesa degli esiti, sono stati messi in isolamento precauzionale.
Gli uffici da ieri sono stati chiusi. Ci si domanda con quante persone abbia incontrato l’impiegata in questi giorni. Anche se, come ha spiegato anche il coordinatore dei giudici di pace Francesco Sartorio, la donna non svolgeva attività a contatto con il pubblico, mentre quelli tra i suoi colleghi che avevano rapporti con l’utenza lo facevano da uno sportello protetto da un vetro.
Anche a Palazzo di giustizia, in via Verdi, comunque la preoccupazione sale. Oltre a personale che gira con la mascherina e a scrivanie poste a sbarrare l’accesso alle sale, è stato disposto un unico sportello, dotato di vetro divisorio, per le attività con il pubblico fino al 14 marzo, mentre gran parte dei certificati e documentazione dovranno essere richiesti e depositati via mail. Oggi è in programma una riunione in materia con il presidente del Tribunale Antonello Fabbro, i rappresentanti degli avvocati sollecitano un rinvio delle udienze non urgenti, per tutelare spiegano “sia il diritto alla salute sia quello alla difesa dei cittadini”.