Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Servono anche ammortizzatori sociali e sostegni al lavoro"

"STOP AGLI ACCONTI SULLE TASSE PER LE IMPRESE"

I commercialisti di Treviso chiedono misure per tutti i territori in emergenza


TREVISO - Il decreto firmato dal Ministro Gualtieri il 24 febbraio ha disposto per i contribuenti, anche diversi dalle persone fisiche, compresi i sostituti d’imposta, che alla data del 21 febbraio 2020 avevano la residenza, la sede legale o operativa nel territorio dei Comuni della cosiddetta “zona rossa” la sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, nonché dagli accertamenti esecutivi in scadenza nel periodo compreso tra il 21 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020. Vanno anche sospesi gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali non solo per i datori di lavoro e per i titolari di reddito di lavoro autonomo o d’impresa che svolgono l’attività o risiedono nei Comuni in “quarantena”, ma anche per coloro che non svolgono attività in tali Comuni se però lì risiedono i professionisti intermediari che effettuano gli adempimenti in materia contributiva e assicurativa.
“È necessario salvaguardare subito le imprese del territorio da una possibile crisi di liquidità - osserva David Moro presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Treviso - e intervenire per garantirne la stabilità finanziaria sia attraverso la riduzione del carico fiscale, che è già elevato nelle situazioni di normale amministrazione, sia attraverso l’attivazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori senza passare dalla procedura di consultazione sindacale prevista dal D.Lgs. 148/2015. Si tratta di due misure indispensabili anche per le imprese che non sono ubicate nei Comuni interessati dal Coronavirus".
Secondo i commercialisti serve subito uno stop agli acconti fiscali IRES e IRAP 2020 per evitare alle imprese con il bilancio del 2019 in utile, di versare acconti alti in quest’anno che è iniziato con una pesante crisi economica sul territorio. Fondamentale, inoltre, disporre la rateizzazione pluriennale del versamento del saldo degli acconti fiscali. Inoltre, almeno nel settore del turismo va sospeso il pagamento dell’IMU per tutto il 2020.
Sul fronte del contenzioso fiscale il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ha chiesto la sospensione delle udienze tributarie ed anche dei procedimenti di adesione, come già previsto per gli altri processi.
Sul fronte del lavoro, la Cassa integrazione guadagni ordinaria e il FIS (Fondo d’Integrazione Salariale) devono essere attivati per gli eventi di forza maggiore, non solo nei Comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio, ma anche per i lavoratori delle aziende collocate all’esterno di tali Comuni se colpite da ordinanze di chiusura e limitazioni. L’attivazione degli ammortizzatori sociali dovrebbe essere prevista al di fuori dei Comuni interessati anche per quelle attività che, comportando aggregazioni in luogo pubblico o privato, anche di natura sportiva, svolte in luoghi chiusi o aperti al pubblico, sono state sospese e sempre per le aziende non ubicate nei Comuni interessati per i dipendenti che lì risiedono. Poiché il FIS interviene nei settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale per i datori di lavoro che occupano mediamente più di cinque dipendenti, i Commercialisti chiedono in via eccezionale, che per la causale COVID-19 l’assegno ordinario intervenga a prescindere dal limite dimensionale.
Infine andrebbero disposte misure straordinarie per i datori di lavoro per i quali la normativa prevede solo l’attivazione della CIGS e andrebbero previste forme di sostegno per le PMI ed i lavoratori autonomi anche tramite i Fondi Regionali.