Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Prima passo per un piano di rilancio post coronavirus"

"UN'ASSICURAZIONE CONTRO IL BOOM DI DISDETTE NEGLI ALBERGHI"

Fabio Crea di FdI ne propone l'istituzione al governo


TREVISO - Boom di cancellazioni negli alberghi, Fabio Crea esponente di Fratelli d'Italia lancia la proposta: "Il Governo per rendersi realmente utile dovrebbe farsi carico di una sorta di “assicurazione contro le disdette” oltre, ovviamente, a eliminare, e non sospendere la tassazione. In caso contrario il problema si presenterà doppio tra qualche mese”.
Come dimostrano anche le dichiarazioni apparse in questi giorni da parte di alcuni referenti delle associazioni di categoria l’impatto maggiore ad oggi si è fatto sentire proprio sul settore turistico. “Se il Governo vorrà rispondere davvero dei problemi dovrà ascoltare queste voci e pensare a un ristoro per chi ha ricevuto purtroppo centinaia di disdette. Più concretamente – suggerisce Crea - Roma dovrebbe intervenire con un fondo per ripagare una parte, almeno il 50 per cento delle prenotazioni poi annullate per l’emergenza. E non solo della zona rossa. Si tratterebbe – prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia - di un segnale importante e di vicinanza al nostro territorio, ma è chiaro comunque che questa misura rappresenterebbe solo un primo tassello”.
Per capire le dimensioni del danno che le nostre imprese turistiche è sufficiente leggere i dati presentati da Confturismo che ha già stimato perdite per 8 miliardi di euro. E infatti con 70 milioni di presenze e 18 miliardi di fatturato il Veneto è la prima regione italiana a vocazione turistica.
“Quindi è chiaro che un intervento mirato per il turismo rappresenta solo una parte di un grande piano di rilancio economico del nostro Paese. Va pensata anche una campagna di comunicazione e promozione: la tassa di soggiorno ha questa funzione. Inoltre, non lo dico io, lo dicono i dati, il Veneto insieme a Lombardia Emilia Romagna e Piemonte generano la metà del Pil nazionale. Aiutare le imprese venete significa rimettete benzina nel motore dell’economia del Paese. Va detto che gli effetti economici vanno oltre le zone del contagio: ecco perché per limitare le ripercussioni sulle nostre pmi, è necessario superare il concetto di zona rossa. Penso poi a tutte le famiglie venete su cui pesa l'emergenza: Fratelli d'Italia ha già presentato al Governo delle misure concrete che vanno dal congedo parentale eccezionale, al Voucher baby sitter, fino alla sospensione o alla rimodulazione delle rette in scadenza e infine la sostituzione temporanea di lavoratori e familiari in congedo parentale straordinario. Anche l’Europa è chiamata a fare la propria parte perché altrimenti viene meno la sua stessa ragione d’essere. Penso che i nostri rappresentanti del Governo oggi più che mai siano chiamati a battere i pugni sul tavolo dell’Europa chiedendo la sospensione del patto di stabilità”.