Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra le vittime del raggiro anche un coneglianese

HOTEL DI LUSSO A CORTINA, FOTO, RECENSIONI: TUTTO FALSO

Truffa on line smantellata dalla Polizia


CONEGLIANO - Il nome era suadente, Hotel Astoria Luxury, e le foto quantomai suggestive. Peccato che il suddetto albergo a 5 stelle di Cortina, in realtà, non sia mai esistito e le immagini raffigurassero non le Dolomiti ampezzane, ma uno chalet in Svizzera. Così come del tutto creati ad arte erano i commenti entusiastici e le recensioni favorevoli di sedicenti clienti da ogni parte del mondo.
Una truffa insomma. I poliziotti del Commissariato di Conegliano hanno posto sotto sequestro un sito internet che pubblicizzava il finto hotel di lusso tra le montagne della perla delle Dolomiti. A cadere nella trappola, anche un cittadino coneglianese, che aveva versato un acconto per la prenotazione, mediante la propria carta di credito, poi bloccata quando si era reso conto che qualcosa non andava ed aveva sporto denuncia.
Gli investigatori del Commissariato sono risaliti dopo complesse indagini al responsabile del raggiro, un veneziano domiciliato a Crotone con precedenti specifici e già agli arresti domiciliari.
Il sito internet, creato ad hoc, è stato chiuso dalla polizia mediante la notifica ai provider del provvedimento di sequestro preventivo del Giudice delle indagini preliminari, che ha così di evitato ulteriori truffe ai danni di altri soggetti.
La Questura di Treviso, invita chi effettua prenotazioni sul web a prestare massima attenzione evitando siti ingannevoli e approfondendo con dovizia ogni particolare prima di effettuare i pagamenti.