Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Violazione del decreto del Presidente del Consiglio

CORONAVIRUS, A TREVISO DENUNCIATE 3 ATTIVITÀ E 7 PERSONE

Controlli di agenti in borghese e multe per chi non rispetta il Dpcm


TREVISO - Proseguono i controlli in città da parte della Polizia Locale di Treviso per il rispetto del Decreto del Presidente del Consiglio che vieta spostamenti non giustificati e la chiusura di bar, pizzerie, ristoranti e attività artigianali. Al termine della giornata di ieri, giovedì 12 marzo, il Comando di via Castello d’Amore ha registrato la denuncia di sette persone e di tre attività economiche: «Le sette denunce a carico di altrettante persone SOno state verbalizzate in quanto non vi era alcuna giustificazione da parte dei soggetti fermati per motivare la loro presenza sulle strade», spiega il comandante Andrea Gallo.
«Oltre al bar-tabaccheria denunciato nella mattinata di ieri, nel pomeriggio è stato deferito all’autorità giudiziaria anche il titolare di un altro bar, autorizzato a tener aperto come da decreto, perché non garantiva la distanza di un metro fra gli avventori. Inoltre è stato sorpreso un venditore di fiori con un banco nei pressi di un cimitero che continuava la propria attività. Per tutti è scattata la denuncia per violazione all'art. 650 del codice penale e, per i tre esercizi, la segnalazione alla prefettura per la sospensione dell'attività economica fino a 30 giorni».
Nella mattinata di oggi sono stati controllati tre supermercati e un ipermercato: «Le attività commerciali controllate questa mattina hanno messo in atto tutte le buone pratiche per garantire ingressi contingentati e distanza di un metro fra le persone», prosegue Gallo. «I controlli continueranno senza interruzione nei prossimi giorni con personale in borghese anche presso le attività già controllate».