Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Visite sospese, ma così i ricoverati colloquiaranno con i familiari

AL CA' FONCELLO VIDEOCHIAMATE CON I PARENTI A CASA

L'Ulss mette a disposizione tre smartphone


TREVISO - Piccole idee, grandi emozioni. Dare la possibilità ai pazienti in isolamento di parlare con i famigliari in questo periodo di emergenza non è cosa scontata. L’idea dell’Unità operativa complessa delle Professioni sanitarie, diretta da Alberto Coppe, è stata quella di dotare il reparto di malattie infettive e il reparto di Unità didattica infermieristica estensiva di tre telefonini aziendali per poter effettuare delle video chiamate, con l’aiuto degli operatori sanitari, con genitori, figli, nipoti impossibilitati alle visite in ospedale. “In questo momento ogni gesto può aiutare una persona ricoverata dal punto di vista emotivo e umano – sottolinea Coppe – Le prime videochiamate sono state un’esplosione di gioia per tutti generando anche tra noi un’autentica commozione che ci unisce per dare tutto il possibile ai nostri pazienti”.

La solidarietà non si ferma: si ricorda la decisione di convogliare le donazioni in un conto corrente della Regione Veneto. Il conto corrente ha le seguenti coordinate: IBAN IT 71 V 02008 02017 000105889030. Causale: Sostegno Emergenza Coronavirus, intestato a Regione del Veneto.