Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindacato di Polizia chiede più sicurezza

TAMPONI ON THE ROAD IN TUTTO IL VENETO

La Polizia stradale è d'accordo, ma chiede tutela per gli agenti


TREVISO - "Un grazie al governatore Luca Zaia per come sta affrontando questa emergenza: è ottima la soluzione dei tamponi "on the road" ma come organo di Polizia chiediamo che questi vengano fatti con urgenza anche ai poliziotti in servizio su strada. Rischiamo la chiusura degli uffici se non isoliamo gli eventuali positivi: già la Polstrada di Vittorio Veneto è chiusa per quarantena, il rischio di avere meno poliziotti per strada è altissimo".
Sono queste le parole del sindacato di  Polizia del Veneto riguardo la decisione del governatore di aumentare i controlli a campione operando direttamente sulle strade. "Abbiamo letto con piacere che il Governatore - continuano i rappresentanti - sta partendo con il progetto dei tamponi “On the Road”, e per questo chiediamo a lui di poter inserire per primi i nostri colleghi che lavorano su strada al fine di isolare eventuali positivi e salvaguardare la funzionalità di interi uffici della Polizia di Stato".

"Non è questo il tempo di pensare ai numeri, alle statistiche. Dobbiamo salvaguardare noi stessi per essere pronti a rispondere “presente” a chi ha bisogno di noi. Siamo certi che tutti insieme supereremo questo momento garantendo la nostra qualificata presenza sul territorio premunendoci in primis di tutelare la nostra salute" .

"La gente può scegliere di rimanere a casa tranquilla, ma ci sono delle professioni che obbligano a lavorare ogni giorno, per questo chiediamo che inserisca nella lista delle priorità del tampone on the road le forze dell’ordine che lavorano su strada, in egual misura del personale sanitario. Auspichiamo altresì che da parte di taluni dirigenti che mirano ancora oggi alle statistiche, di far evitare inutili contatti ma che il personale delle pattuglie sia utilizzato nel caso di richieste d’aiuto. Controlli si ma quando saremo dotati tutti di mascherine FFP3, occhiali di protezione e guanti" concludono.