Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'istruzione non si ferma

LA SCUOLA IN VIDEOCONFERENZA

Il passaggio al digitale di ENAC Veneto di Treviso


TREVISO - L’intero monte ore che veniva svolto normalmente in classe viene ora svolto mediante le videoconferenze. Questo completo passaggio al digitale è la risposta che la Scuola di Formazione Professionale ENAC Veneto dell’Istituto Canossiano di Treviso ha dato per essere in linea con le misure di contenimento del Coronavirus Covid-19.
L’opportunità che si sta offrendo ai propri studenti è di continuare ad apprendere attraverso forme di didattica a distanza intesa non solo come attribuzione di compiti da svolgere ma come lezione sincrona in audio/video conferenza.
Dopo un breve periodo di formazione i docenti, a partire da lunedì 9 marzo, hanno trasmesso integralmente lezioni di materie culturali e professionali durante le sei ore scolastiche giornaliere.
Sfruttando il software Teams messo a disposizione dalla scuola, gli insegnanti hanno potuto interagire all’interno di aule virtuali con gli studenti connessi da casa tramite microfono, webcam e chat, condividendo con loro le proprie conoscenze, spiegazioni e i materiali multimediali adattati e allestiti in breve tempo per meglio rispondere alle nuove esigenze della didattica online.
Malgrado siano evidenti le differenze e limiti rispetto alla didattica in presenza e la consapevolezza che ci vorrà del tempo per prendere familiarità con questa modalità, l’aver garantito un servizio a pieno regime e con qualità rappresenta un grande risultato per la Scuola e il suo impegno per stare vicino ai propri studenti e al passo con i cambiamenti.
Tale risultato non sarebbe stato possibile senza il fondamentale contributo della direzione, dei docenti, degli studenti e delle famiglie che si sono dimostrati particolarmente disponibili, un’unica squadra ricettiva e pronta difronte a questa nuova sfida.
 
Il prof. Giacomo Pavan
L’impegno è quello che le lezioni continueranno a svolgersi regolarmente fintantoché questo periodo di isolamento non cesserà e professori e alunni potranno tornare a rivedersi, viso a viso, a stare insieme nella stessa aula dove si crea quello scambio di rapporti e informazioni che è l’alchimia della lezione scolastica con cui nessuna videoconferenza può competere.

Il direttore Andrea Michielan
Alla difficoltà e all’emergenza abbiamo cercato di reagire sfruttando e imparando nuove tecnologie, che ci stanno consentendo di mantenere il contatto con gli studenti.
Lo sforzo è notevole ma pensiamo di dover fare la nostra parte fino in fondo in questa sfida collettiva, per stare vicino ai nostri allievi e cercare di continuare a dare gli stimoli culturali ed educativi che la scuola deve offrire.